Del viaggio di Papa Francesco in Iraq, la preghiera collettiva all’incontro interreligioso di Ur; la stretta di mano con la più alta autorità sciita irachena; il messaggio del patriarca dei Caldei, rimarranno le tre tappe più significative scolpite nella Storia

Da Abramo all’Ayatollah: le frasi più significative del Papa in Iraq

Gelsomino Del Guercio – pubblicato il 06/03/21

Pubblicazione rimovibile da Aleteia su SPV a cura di Carlo Mafera

Vincenzo PINTO / AFP

Tra gli scatti che resteranno nella storia di questo viaggio in aIraq, la preghiera collettiva all’incontro interreligioso di Ur; la stretta di mano con la più autorità sciita irachen; il messaggio del patriarca dei Caldei, che spiega quante vale la visita di Francesco

“Questo luogo benedetto ci riporta alle origini, alle sorgenti dell’opera di Dio, alla nascita delle nostre religioni. Qui, dove visse Abramo nostro padre, ci sembra di tornare a casa”. Papa Francesco ha iniziato il secondo giorno del viaggio in Iraq dall’antica città di Ur dei Caldei, nel sud dell’Iraq. La patria di Abramo è stata la sede dell’Incontro Interreligioso durante il quale il Papa ha utilizzato parole durissime contro il terrorismo e la violenza e ha teso la mano alle religioni di tutto il mondo.

“Non permettiamo che la luce del Cielo sia coperta da nuvole di odio”

«Non permettiamo che la luce del Cielo sia coperta dalle nuvole dell’odio – ha tuonato Francesco – Sopra questo Paese si sono addensate le nubi oscure del terrorismo, della guerra e della violenza. Ne hanno sofferto tutte le comunità etniche e religiose. Vorrei ricordare in particolare quella yazida». 

Thumbnail for read also

Leggi anche:Caldei, Siri, Armeni e Latini: conoscete le 4 Chiese cattoliche di Baghdad?

Brillano le “stelle di Mosul”

«Il terrorismo – ha proseguito il Papa – quando ha invaso il nord di questo caro Paese, ha barbaramente distrutto parte del suo meraviglioso patrimonio religioso, tra cui chiese, monasteri e luoghi di culto di varie comunità. Ma anche in quel momento buio sono brillate delle stelle. Penso ai giovani volontari musulmani di Mosul, che hanno aiutato a risistemare chiese e monasteri, costruendo amicizie fraterne sulle macerie dell’odio, e a cristiani e musulmani che oggi restaurano insieme moschee e chiese».

Il dono ricevuto dal Papa al termine dell’incontro di Ur.VATICAN MEDIA / AFP

“La pace non ha vincitori, né vinti, ma fratelli e sorelle”

Il pontefice ha invitato le fedi presenti alla fratellanza, invocando la pace per queste terre troppo spesso martoriate dal sangue. «La pace – ha detto – non chiede vincitori né vinti, ma fratelli e sorelle che, nonostante le incomprensioni e le ferite del passato, camminino dal conflitto all’unità. Chiediamolo nella preghiera per tutto il Medio Oriente, penso in particolare alla vicina, martoriata Siria».

Thumbnail for read also

Leggi anche:Il Papa in Iraq tra sorrisi, doni del Presidente e disabili (FOTOGALLERY)

La “Preghiera dei figli di Abramo”

Al termine dell’omelia del Papa, c’è stata la recita della “Preghiera dei figli di Abramo”, che unisce le fedi religiosi presenti all’incontro di Ur. La preghiera comincia così: 

«Dio Onnipotente, Creatore nostro che ami la famiglia umana e tutto ciò che le tue mani hanno compiuto, noi, figli e figlie di Abramo appartenenti all’ebraismo, al cristianesimo e all’islam, insieme agli altri credenti e a tutte le persone di buona volontà, ti ringraziamo per averci donato come padre comune nella fede Abramo, figlio insigne di questa nobile e cara terra (…)».

Thumbnail for read also

Leggi anche:L’incontro tra Francesco e Al-Sistani, guardando alla pace in Iraq e il Medio Oriente

La donna di religione Mandeista: “la Sua visita è un trionfo di virtù”

La visita del Papa in Iraq come è vista dalle altre fedi religiose? Lo ha spiegato la signora Rafah Husein Baher, di religione Sabean Mandaean (Mandeismo), intervenuta all’incontro di Ur: 

«L’ingiustizia ha colpito tutti gli iracheni, Santità. Posso testimoniare che non ha escluso nessuno: sangue innocente è stato versato da tutti gli iracheni. Il terrorismo ha violato la nostra dignità con impudenza. Molti Paesi, senza coscienza, hanno classificato i nostri passaporti come privi di valore, guardando le nostre ferite con indifferenza. La visita di Sua Santità in Iraq significa che la Mesopotamia è ancora rispettata e apprezzata. La Sua visita significa un trionfo di virtù, è un simbolo di apprezzamento per gli iracheni».

(FOTOGALLERY) Papa in Iraq – Secondo Giorno

Galleria fotografica

Il “grazie” di Papa Francesco all’Ayatollah Al Sistani

Dopo Ur, un’altra storica tappa di questo secondo giorno del Papa in Iraq. Il Santo Padre ha incontrato alla moschea di Najaf il Grande Ayatollah Sayyid Ali Al-Husayni Al-SistaniL’incontro, durato circa 45 minuti, dice il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni «è stata l’occasione per il Papa di ringraziare il Grande Ayatollah Al-Sistani perché, assieme alla comunità sciita, di fronte alla violenza e alle grandi difficoltà degli anni scorsi, ha levato la sua voce in difesa dei più deboli e perseguitati, affermando la sacralità della vita umana e l’importanza dell’unità del popolo iracheno».

Nel congedarsi dal Grande Ayatollah, il Santo Padre ha ribadito la sua preghiera a Dio, Creatore di tutti, per un futuro di pace e di fraternità per l’amata terra irachena, per il Medio Oriente e per il mondo intero.

Loading video
Il Papa a Najaf con l’Ayatollah.
Thumbnail for read also

Leggi anche:Il Papa in Iraq tra sorrisi, doni del Presidente e disabili (FOTOGALLERY)

Di fronte alle situazioni che non vanno”, “né la fuga, né la spada”

Nella Cattedrale caldea di San Giuseppe a Baghdad, Papa Francesco ha compiuto un altro fatto senza precedenti: ha presieduto una santa messa di rito caldeo. Nel corso della quale ha tenuto un’omelia, che dà coraggio alla “resilienza” dei cristiani perseguitati, rimasti in terra irachena nonostante le umiliazioni subite dagli estremisti islamici. Advertising

Di fronte alle difficoltà non si scappa, né ci si arrabbia, ha ricordato il Papa. «È quello che accadde ai discepoli nel Getsemani: davanti allo sconcerto, molti si diedero alla fuga e Pietro prese la spada. Ma né la fuga né la spada risolsero qualcosa. Gesù, invece, cambiò la storia. Come? Con la forza umile dell’amore, con la sua testimonianza paziente. Così siamo chiamati a fare noi; così Dio realizza le sue promesse».

Il Papa nella cattedrale di San Giuseppe.© Vatican Media

“Le promesse di Dio non deludono”. L’esempio è Abramo 

«Le promesse di Dio – ha continuato Bergoglio – assicurano una gioia senza eguali e non deludono. Ma come si compiono? Attraverso le nostre debolezze. Dio fa beati coloro che percorrono fino in fondo la via della loro povertà interiore. La strada è questa, non ce n’è un’altra. Guardiamo al patriarca Abramo. Dio gli promette una grande discendenza, ma lui e Sara sono anziani e senza figli. Proprio nella loro anzianità paziente e fiduciosa Dio opera meraviglie e dona loro un figlio». 

Thumbnail for read also

Leggi anche:Le cinque cose da sapere sul viaggio di papa Francesco in Iraq 

Il Patriarca dei Caldei e il documento sulla “Fratellanza Umana” 

Parole di ringraziamento sono infine giunte da Sua Beatitudine Cardinale Louis Raphaël Sako, Patriarca di Babilonia dei Caldei, presente alla messa.  

«Ringraziamo Dio – ha detto rivolto al Papa – per la grazia del carisma che portate, a vantaggio di tutti: annunciate senza stancarvi per togliere le barriere tra gli uomini, essendo fratelli, non nemici. Insistete per rafforzare la spiritualità della convivenza, per diffondere la cultura dell’apertura, per andare avanti nella costruzione di una pace sostenibile. Tutto questo per raggiungere la dignità, la giustizia e l’uguaglianza per tutti, come si afferma nel Documento sulla “Fratellanza Umana”, che avete firmato con il grande Imam di Al-Azhar Ahmad al-Tayyib».

“I cristiani in Iraq e Oriente sono qui secondo un piano divino””

«La nostra presenza come cristiani in Iraq e in Oriente – ha concluso Sako – non è un caso o per emigrare, ma è secondo un piano divino. Noi abbiamo una vocazione e una missione alla quale non possiamo rinunciare nonostante le difficoltà»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.