La Radio Vaticana celebra oggi i suoi 90 anni. Il 12 febbraio 1931 Guglielmo Marconi avvicinò il microfono a Pio XI: “Santità – disse – la potranno ascoltare simultaneamente su tutta la superficie della Terra”

 

STAZIONE RADIO VATICANA

Martin Podzorny | Shutterstock

JP Mauro – pubblicato il 02/09/21

Pubblicazione su SPV da Aleteia a cura di Carlo Mafera- rimovibile

Padre Federico Lombardi, Direttore della Radio Vaticana, scrive dell’illustre storia dell’emittente.

La Radio Vaticana, la stimata emittente cattolica trasmessa dal cuore della Chiesa cattolica, festeggia il suo 90 ° anniversario. In preparazione alla giornata, il Direttore della Radio Vaticana p. Federico Lombardi ha scritto sull’illustre storia della stazione . Ha osservato che la missione della Radio Vaticana è rimasta ferma durante due dei più grandi conflitti armati del XX secolo.

La Radio Vaticana nasce nel 1931 con una precisa missione: essere uno strumento del papa per annunciare il Vangelo al mondo e guidare la Chiesa universale. Questa è stata la prima volta nella storia che la voce del papa poteva essere trasmessa ai cattolici fuori dall’Italia . Dagli inizi umili, l’ operazione si è rapidamente espansa per raggiungere l’Asia e l’Africa attraverso una torre di trasmissione installata in Vaticano, affettuosamente chiamata “Il dito del papa “.

Nel 1936, la stazione era entrata a far parte della International Broadcasting Union, che riconosceva la natura unica della Società della Radio Vaticana come estensione della Chiesa. In quanto tale, è stato permesso di trasmettere senza restrizioni regionali. Capace di raggiungere gli ascoltatori più lontani che mai da Roma, la Radio Vaticana ha iniziato a trasmettere in nove lingue dell’Europa occidentale.

seconda guerra mondiale

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, la Radio Vaticana divenne un inestimabile faro di informazione e speranza. Le trasmissioni di Papa Pio XII hanno portato una delle voci più forti contro l’ascesa del nazismo. Vatican News riporta che p. Lombardi ha discusso il ruolo svolto dalla Radio Vaticana durante la guerra, sottolineando che si è assunta il compito di trasmettere agli ascoltatori informazioni sui soldati, civili e prigionieri scomparsi. Scrisse:Durante la guerra, però, la Radio Vaticana divenne famosa per un altro servizio: fu infatti uno strumento fondamentale del grande impegno voluto da Pio XII con l ‘“Ufficio Informazioni della Segreteria di Stato”, istituito nel 1939 per rintracciare i civili scomparsi e soldati e prigionieri; fornire informazioni alle loro famiglie e, se possibile, ristabilire tra loro almeno un legame di saluto e di ricordo.

P. Lombardi ha continuato spiegando che la Radio Vaticana trasmette solo per circa mezza giornata alla volta durante la seconda guerra mondiale.Indipendentemente da questo breve programma, ha comunque riportato più di 1,2 milioni di messaggi durante gli anni della guerra.

Guerra fredda

P. Lombardi ha sottolineato l’importante lavoro svolto dalla Radio Vaticana durante la guerra fredda. Per raggiungere i fedeli caduti sotto il regime comunista, la Radio Vaticana ha iniziato a trasmettere in altre 13 lingue dell’Europa orientale. Lo sbocco divenne uno dei canali principali della pratica della fede per i cristiani che vivevano sotto la persecuzione comunista.

Ha notato che l’ascolto di queste trasmissioni nei paesi controllati dal comunismo comportava dure sanzioni. Coloro che sono stati catturati sono stati perseguiti penalmente, che potrebbero comportare condanne alla reclusione e persino alla pena capitale. Indipendentemente da questi pericoli, i fedeli si sintonizzavano ancora sulle trasmissioni ispiratrici e guidate dalla fede. Alla fine della guerra fredda, p. Lombardi ha osservato che più di 40.000 lettere di ringraziamento sono state inviate alla Radio Vaticana dalla sola Ucraina. 

21 ° secolo

Negli ultimi anni la Radio Vaticana ha ampliato i suoi sforzi per includere i New Media. Attualmente gestisce un canale YouTube in quattro lingue e, sul lato dei social media, gestisce sei diversi account Twitter. Ha tentato di lanciare reti di trasmissione video più volte nel 20 ° secolo, ma non ha avuto successo. Non è stato fino agli anni ’90 che la Radio Vaticana ha iniziato a produrre video sul serio. Oggi, i contenuti video sono ampiamente diffusi dalla TV2000 Broadcasting Company con sede in Italia.

Padre Lombardi ha commentato in chiusura:

La Radio Vaticana ha così raggiunto la maturità, con una qualità professionale e giornalistica crescente, che la rende non solo il cuore pulsante della comunicazione quotidiana nella Chiesa universale – “comunicazione di comunione”, come auspicava il Concilio – ma anche protagonista attiva nel più ampio mondo Comunicazione cattolica e laicale nella vita della Chiesa.


RADIO

Per saperne di più: 
gli sforzi di propaganda di Hitler hanno incontrato una forte resistenza da parte della Radio Vaticana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.