Una prescrizione paradossale: quella del sintomo. Funziona con i comportamenti compulsivi ….devi reagire in un certo modo … non ne puoi fare a meno … viene prescritto di farlo 5 volte … così perde la sua forza trasgressiva!!!

Pubblicazione su SPV dal link https://www.pazienti.it/contenuti/terapie/prescrizione-del-sintomo – rimovibile

Quando vi si ricorre?

Nell’ambito di una psicoterapia la prescrizione del sintomo viene utilizzata per aggirare la cosiddetta “resistenza al cambiamento”, ovvero quel fattore che impedisce al paziente di abbandonare il sintomo e dare avvio al cambiamento.

Attraverso le prescrizioni comportamentali, paradossali, dirette o indirette e altre tecniche derivanti dall’ipnosi ericksoniana, il terapeuta guida il paziente verso il superamento dei propri limiti e verso la ristrutturazione del suo sistema di credenze disfunzionali che hanno portato all’instaurarsi del sintomo.

Quali altri approcci terapeutici vengono usati assieme?

La psicoterapia breve strategica è una terapia improntata sul “far fare”, quindi all’azione. Nella pratica clinica insieme alle prescrizioni paradossali, sono molto utilizzate le prescrizioni dirette e le prescrizioni indirette, allo scopo di aggirare la resistenza al cambiamento del paziente e del suo sistema familiare.
  • Prescrizioni dirette: questa tecnica prevede che il terapeuta dia indicazioni chiare al paziente riguardo a determinate azioni da compiere. Questo tipo di ingiunzioni comportamentali sono molto efficaci anche in una fase più avanzata della terapia, quando ad esempio il paziente deve consolidare e mantenere il cambiamento ottenuto.
  • Prescrizioni indirette: si tratta di tutte quelle richieste comportamentali che mascherano il loro vero obiettivo. In questo tipo di prescrizioni il terapeuta prescrive al paziente di fare qualcosa che produrrà (anche) un effetto diverso da ciò che esplicitamente si attendeva.

Interventi paradossali: gli esempi

La prescrizione del sintomo è una tecnica psicologica molto complessa e variegata per questo, per comprenderne meglio il funzionamento, ne daremo di seguito alcuni esempi.

Nell’ambito di un percorso di psicoterapia ad indirizzo strategico per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo, il terapeuta può predisporre un ingiunzione paradossale, prescrivendo al paziente il sintomo da lui lamentato e invitarlo a ripetere la stessa compulsione (per esempio lavarsi le mani) per un determinato numero di volte e in determinate circostanze preordinate e scandite dalle tempistiche indicate dal terapeuta.

O ancora, nel caso di un paziente con insonnia cronica, il terapeuta potrebbe prescrivere al paziente di restare sveglio almeno 5 notti a settimana.

La prescrizione di questi comportamenti apparentemente illogici e controproducenti per il senso comune, hanno invece l’effetto di dare all’individuo la possibilità di affrontare la situazione problematica da un punto di vista differente e portare così alla ristrutturazione della realtà.

Va sottolineato che, malgrado alcune prescrizioni paradossali siano ad oggi degli interventi consolidati e molto utilizzati nella pratica clinica, la stragrande maggioranza delle intenzioni paradossali, pur seguendo un preciso impianto metodologico, sono frutto della creatività personale del terapeuta, capace di creare paradossi tagliati su misura per la situazione e per il paziente, tenendo conto dei suoi canali comunicativi e del suo linguaggio specifico.
AddThis Sharing Buttons

Share to LinkedInShare to Messenger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.