Spada&Scamponi hanno eseguito 21 danze ungheresi presso la Cappella Sacri Cuori di Gesù e Maria il 10 novembre 2019

Un ottimo concerto con due ottimi esecutori … applausi a scena aperta hanno concluso la serata il cui ricavato è andato all’AISM, l’associazione che si occupa della lotta alla sclerosi multipla.

Ecco qualche notizia delle danze ungheresi:

Nella partitura originale le danze venivano qualificate come ungheresi perché in quel tempo il folclore magiaro era del tutto sconosciuto e confuso con la musica zigana che quel popolo nomade aveva diffuso. Le danze ungheresi sono infatti impregnate del ritmo e delle melodie zigane affrancate dal virtuosismo che veniva inserito ed inventato dagli esecutori. Solo nel XX secolo le ricerche musicali di Zoltán Kodály e Béla Bartók chiariranno l’equivoco e riporteranno alla luce le musiche ungheresi. Le musiche originarie sono state rintracciate per quasi tutte le danze:

  • La danza n. 1 ha origine nella Isteni czàrdas di Sárközy
  • La danza n. 3 riprende la canzone nuziale Tolnai Lakadalmas di Rizner
  • La danza n. 4 si ispira alla melodia Kalocsay Emlék’
  • La danza n. 5 si ispira alla melodia Bartfai Emlék (Ricordo di Bartfai) di Kéler Béla
  • La danza n. 6 trae motivo da Rózsa Bokor di Adolph Nittinger
  • La danza n. 8 si ispira a Luiza Czárdá di J. Franck
  • https://youtu.be/UpK2bPYJEZA

 

Non possiamo in definitiva parlare di composizioni brahmsiane ma piuttosto di adattamenti dell’autore di musiche zigane che, eliminandone le parti virtuosistiche, ne recupera la parte ritmica e melodica originaria. Brahms, comunque, a testimonianza della sua onestà intellettuale, non diede mai regolare numero d’opera alle danze ungheresi, tuttavia, come indicano alcuni studiosi (come Cristani nel suo libro-saggio su Brahms), dalla danza n. 11 in poi cominciano ad emergere temi originali brahmsiani a discapito dell’elemento folklorico. D’altra parte Brahms non è stato il solo a trarre spunto dal repertorio zigano: l’influenza della musica ungherese e gitana sulla musica tedesca coinvolge, per esempio, anche compositori come Josef Haydn e poi Franz Liszt che ha scritto le Rapsodie ungheresi.

 

pubblicazione da Wikipedia su SPV a cura di Carlo Mafera – rimovibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.