7 APRILE, I PIGS AL CCP TUFELLO PER FAR TRIONFARE I PINK FLOYD

Al CCP Tufello un vero  trionfo c’è stato  nel rappresentare THE ANIMALS dei Pink Floyd, un album storico del 1977 che commenta criticamente la nostra società contemporanea parafrasando LA FATTORIA DEGLI ANIMALI di Orwell. I Pigs sono stati, a dir poco, strepitosi, non facendo rimpiangere gli originali Pink Floyd ma anzi apportando un’interpretazione suggestiva.

https://drive.google.com/file/d/1s12kmF5RkTT6I_8cidql9Pies4KSC1Zo/view?usp=drivesdk

Per chi ne vuole sapere di più sull’ album dei Pink Floyd ecco un prezioso link :

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Animals_(Pink_Floyd)

IMG-20170808-WA0010

Animali degli Abissi marini di Salvo Curro’

 

Ancora una preziosa chicca che esce dal Cilindro magico del CCP Tufello. Complimenti ai Pigs e allo staff per l’ottima musica e per l’organizzazione. La temuta chiusura del CCP si allontana sempre più. Evviva.

Carlo Mafera

p.s. In occasione dei  45 anni del celebre THE DARK SIDE OF THE MOON spendiamo due parole : (dal sito https://auralcrave.com/2017/12/15/i-segreti-nascosti-di-the-dark-side-of-the-moon/ )

Il lato oscuro della Luna è in realtà il lato oscuro della mente. La canzone Brain Damage è riferita a Syd Barrett, che uscì dal gruppo per lo stato di alterazione provocato dall’Lsd.

I temi della morte e del tempo vengono trattati avendo come faro guida il filosofo tedesco Martin Heidegger (1889-1976): la funzione della morte è dare un senso e una struttura al progetto della vita che, per sua natura, ha un orizzonte temporale limitato. Time inizia con il suono di decine di sveglie registrato in un negozio londinese di orologi e pendole antiche. Sentite l’episodio raccontato con le parole di Alan Parsons, tecnico del suono dell’album: “Ho effettuato quelle registrazioni stereofoniche in un vecchio negozio di orologi che si trovava proprio accanto allo studio. Ce n’erano tantissimi. Ho chiesto gentilmente al proprietario di fermarli tutti e li ho registrati uno a uno, per poi sincronizzarli pazientemente sul multitraccia.” Sembra più frutto dell’inventiva di un vecchio alchimista che non di un fonico.

Fino al 1972 il titolo del disco dei Pink Floyd non aveva nulla a che fare con il lato oscuro della luna; infatti la band di Roger Waters aveva scelto di utilizzare Eclypse come nome del lavoro. Questa decisione era dovuta al fatto che un’altra band li aveva preceduti: i Medicine Head, che nel 1972 diedero alle stampe il loro Dark Side of the Moon. Purtroppo per loro, visto il veloce fallimento dell’album in questione, i Floyd poterono tranquillamente appropriarsi del titolo, che resero celeberrimo in tutto il mondo. Per gioco, potreste provare a immaginare che i Pink Floyd non siano mai esistiti e che questo sia stato il Dark Side of the Moon che ha scalato le classifiche.

E poi c’è la storia della voce femminile di Clare Torry in The Great Gig in the Sky, originariamente pagata 30 sterline e successivamente riconosciuta come parte degli autori del brano. Ma questa è una storia che vi abbiamo già raccontato:

pink-floyd-dark-side-of-the-moon-album-cover-wallpaper-1The Great Gig In The Sky, la perla dei Pink Floyd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.