Una società senza padri e senza Padre : ecco alcune riflessioni su San Giovanni Paolo II

 Carlo Mafera ci parla della figura paterna del papa polacco…

Mi sono sempre chiesto perché tanta gente (migliaia di persone e soprattutto di giovani) sia accorsa al funerale di Giovanni Paolo II. Ora mi chiedo perché altrettante ne accorreranno presso la sua tomba. La risposta non è semplicemente riconducibile al suo grande carisma e alla sua santità. C’è una ragione intrinseca alla società stessa: la nostra è infatti una grande famiglia priva della figura paterna. Da qualche decennio abbiamo “ucciso” il padre e lo abbiamo estromesso dalla nostra vita. Ma ciò che abbiamo buttato dalla finestra si è ripresentato prepotentemente dalla porta.
Ecco spiegata questa folle oceanica alla ricerca del Padre.

Potrebbe essere una spiegazione semplicistica secondo qualcuno, invece si tratta proprio di questo e molte ricerche sociologiche lo confermano. Giovanni Paolo II ha incarnato in sé in modo sublime, nel suo comportamento e nei suoi scritti, questo ruolo paterno. Così facendo ha attratto a sé milioni di persone, soprattutto giovani, “orfani” di un padre e in particolare di un padre spirituale che fosse per loro una guida.
Basta estrapolare qualche passo della sua enciclica “Dives in misericordia” del 1983 per comprendere quanto Giovanni Paolo II avesse a cuore il tema della paternità. La suddetta enciclica recita al n.6 che l’essenza della paternità è nell’amore che “obbliga in un certo senso il padre ad avere sollecitudine della dignità del figlio. Questa sollecitudine costituisce la misura del suo amore”.
In un’altra enciclica, la “Redemptoris Custos”, Giovanni Paolo II fa riferimento alla figura paterna per eccellenza: San Giuseppe. I connotati più significativi messi in evidenza sul padre putativo di Gesù sono: protezione, autorità (autorevolezza), servizio, oblazione di sé. In tale contesto il figlio riscopre il senso profondo dell’esistenza nell’essenzialità della norma paterna. Riflesso della paternità di Dio, il padre terreno fa sperimentare al figlio il cammino verso la verità e la meraviglia della vita terrena. Il figlio, a sua volta, scopre la libertà e la consapevolezza di poter percorrere un itinerario del tutto personale. Il padre quindi diventa garante del futuro del figlio proiettandolo verso la speranza e verso le migliori aspettative.
La funzione del padre, nel magistero di Giovanni Paolo II, diventa sublime quando coniuga affetto e tenerezza con autorità e normatività (che è in fondo l’autorevolezza). Ciò prefigura e riconduce alla relazione con Dio-Padre, trasfigurando quindi la sua dimensione meramente umana.

Carlo Mafera
Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...