“Last minute” al Teatro Sette

di Carlo Mafera

Il viaggio verso una meta è in fondo un viaggio alla ricerca di se stessi. Sei personaggi alla ricerca di ciò che manca alla loro vita. Tutti trovano “Last Minute” un biglietto per la Thailandia per cercare lì ciò che hanno già dentro sé. Ognuno di noi non fa che percorrere le strade del mondo guardandolo con gli stessi occhiali che ha indossato prima di partire. Certamente non può essere la località di destinazione che ci può magicamente trasformare, anzi lì si vedrà la realtà nello stesso identico modo con la quale la si osservava nel posto di partenza. Così “il palazzinaro” cercherà di fare affari anche in Thailandia, l’attivista di sinistra cercherà di portare i suoi ideali tra la gente del popolo asiatico tentando di risuscitare un orgoglio sopito da secoli di schiavitù, il macellaio cercherà di circuire ragazze ancora adolescenti portando con sé la sua rozzezza e il suo desiderio carnale mai sopito, forse alla base della separazione con la moglie, il sacerdote in crisi di coscienza e in conflitto con le autorità ecclesiastiche troverà forse le risposte alle sue domande esistenziali irrisolte. Soltanto il comandante dell’aereo e la sua hostess troveranno compiuto il loro desiderio di amore autentico mai appagato fino ad allora. Ma proprio quando questo viaggio aveva fatto nascere finalmente l’amore tra questi due sofferenti e delicati personaggi e gli spettatori si apprestavano a partecipare ad un finale a lieto fine, ecco il sopraggiungere dello Tsunami che distrugge questo sogno d’amore. Solo il comandante si salva e piange disperatamente la sua hostess con la quale aveva capito di voler vivere tutta la sua vita. Si intravede in questo finale, la parafrasi della condizione umana che ti porta ad essere spesso consapevole di non poter quasi mai realizzare ciò che veramente vuoi nel profondo di te stesso. Ho visto lo spettacolo due anni fa in compagnia e ora da solo, cosciente dell’impermanenza di tutte le cose che esistono al mondo memore della frase di don Primo Mazzolari che diceva “basta essere un uomo per essere un pover uomo” e memore della poesia di Quasimodo “Ognuno sta solo sulla faccia della terra….” La solitudine che sovrasta la condizione umana sembrava aleggiare sopra le teste dei sei personaggi in cerca di… pirandelliana memoria. Una solitudine che appena infranta si riprende il suo scettro sogghignando cinicamente dietro le quinte. Questa edizione l’ho trovata più introspettiva, con dinamiche interattive che andavano nel profondo, suscitando una riflessione esistenziale a volte amara, a volte serena ma anche qualche sorriso malinconico. Dalle note di regia estrapoliamo “



CARTELLONE, OGGI IN SCENA

22 – 24 settembre – SPETTACOLO FUORI ABBONAMENTO
LAST MINUTE
di Adriano Bennicelli
con: Ilario Crudetti, Ilaria Mariotti, Chiara Carcoletti, Emiliano Pandolfi, Salvatore Iermano, Alessandro Bevilacqua
regia: Francesca Milani

Si può partire per mille motivi: per fuggire da una realtà che non ci piace più, per perseguire un’ideologia, perché ci si fa carico di una missione, per un’impresa da realizzare… o più semplicemente perché partire è il proprio lavoro. Ma si arriva sempre dove si vuole? E dopo il viaggio si è gli stessi di prima? Sei persone, sei storie, un solo destino. Il viaggio della vita, anche se non sappiamo come, ci conduce sempre fino al suo ultimo minuto.

Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...