LA SPERANZA NELLA DANZA

Si può essere ragazzi di strada africani e raccontare una speranza?

Condividi

0
 pubblicazione consentita da  aleteia a cura di carlo mafera blogger del SPV
0

L’incontro con la comunità di recupero Koinonia, la passione per la musica e la danza che diventano lo spettacolo acrobatico “Una fame che ci vedo!”

Acrobati kenyoti venuti dalla strada che vogliono documentare l’esistenza di una speranza nella loro vita. E’ il senso dello spettacolo “Una fame che ci vedo!” in scena durante la prossima edizione del Meeting di Rimini.

Uno show di speranza dalle periferie umane
I ragazzi che hanno fatto questo scelta sono tutti molto giovani e si sono appassionati all’acrobatica, alla musica e alla danza dopo aver incontrato la comunità educativa e di recupero Koinonia, guidata da Padre Kizito, in missione in Africa con i fratelli comboniani da fine anni settanta. Da allora sono nate sei case di accoglienza che accolgono bambini e bambine di strada.

Il regista dello spettacolo Otello Cenci racconta la sua esperienza su meetingrimini.org: “La sfida che ci siamo dati è molto ambiziosa: allestire insieme uno spettacolo teatrale che racconti la loro storia documentando il titolo della prossima edizione del Meeting: Verso le periferie del mondo e dell’esistenza. Il destino non ha lasciato solo l’uomo.

Anche qui alle periferie di Nairobi, dove i bisogni piú urgenti sono quelli del cibo e della casa, è arrivato qualcuno che ha accettato di condividere non solo queste prime naturali necessità ma anche quelle fondamentali dell’istruzione, dell’affetto e del significato del vivere. Una gran bella avventura!”

Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...