I sogni si realizzano perché li esaudisce Dio

Albisetti incoraggia il lettore a confidare nel Signore e ad affidare a Lui i desideri più profondi

“I sogni son desideri…” cantava la dolce Cenerentola, e quante volte ci è capitato di pronunciare queste parole per classificare un sogno come irrealizzabile? Un’aspirazione talmente grande considerata impossibile da avverarsi? Dimentichiamo però un passaggio della melodiosa canzone: “… e il sogno realtà diverrà”.

Il libro “I sogni si realizzano” edito dalle Paoline dello psicologo e psicoterapeuta Valerio Albisetti, suggerisce e offre al lettore una serie di riflessioni e di consigli, uno per pagina, per un percorso che conduce alla realizzazione dei propri desideri. Il viaggio che propone l’autore non è privo di difficoltà, ma è fatto di indugi, momenti di crisi, presa di coscienza di sé, conversione profonda, capacità di metabolizzare e reagire alle sconfitte e agli ostacoli della vita. Ogni pagina è caratterizzata da un suggerimento, quindi il lettore non è obbligato a seguire l’ordine cronologico del testo ma è libero di aprirlo a caso e leggere la riflessione proposta.

«Una riflessione, una pagina. In modo che potete aprire il libro dove volete e leggere la pagina che avete scelto. Una mia pagina è sufficiente per la meditazione di qualche giorno. Che Dio vi accompagni e vi benedica. E non dimenticate: con Dio tutto è possibile».

Il libro è un invito all’introspezione, alla ricerca profonda del significato dell’esistenza attraverso i fatti della vita, da quelli più comuni a quelli più straordinari, tramite i quali incontriamo Cristo. Perché è Lui che realizza i nostri sogni più profondi, come disse papa Giovanni Paolo II ai giovani riuniti a Tor Vergata nel Giubileo del 2000.

«In realtà, è Gesù che cercate quando sognate la felicità; è Lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è Lui la bellezza che tanto vi attrae; è Lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è Lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è Lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare. È Gesù che suscita in voi il desiderio di fare della vostra vita qualcosa di grande, la volontà di seguire un ideale, il rifiuto di lasciarvi inghiottire dalla mediocrità, il coraggio di impegnarvi con umiltà e perseveranza per migliorare voi stessi e la società, rendendola più umana e fraterna».


LEGGI ANCHE: Avere i desideri giusti e scegliere in modo corretto? Non è affatto facile


QUANDO CADIAMO POSSIAMO RIALLINEARCI CON DIO

Il fallimento ha la capacità di farci riscoprire umani e umili, in una società che ha fatto della perfezione la sua bandiera, per questo l’autore vede ogni caduta come l’occasione per rientrare in noi stessi, guardare il nostro vuoto e farlo riempire da Dio.

«Ogni caduta, pur dolorosa, imbarazzante e depressiva, ha lo scopo di far cadere la torre che abbiamo costruito intorno al nostro Io e farlo crollare. Le cadute possono riguardare la fine di una relazione affettiva, un incidente, una malattia, un’offesa, un fallimento sul lavoro, una forte delusione, una grave perdita economica, una dipendenza. (…)Quando accadono, le cadute, per loro definizione (…) ci lasciano vuoti, attoniti, devastati, impauriti, senza più voglia di vivere. Depressi. In questi momenti(…) Non dibattetevi,(…) e non disperate. Semplicemente osservate. È il momento della fermata. Del lasciarvi cullare dall’universo che vi circonda. Cercate luoghi belli (…)Consiglio vivamente la natura selvatica, incontaminata (…)Forze misteriose inviate da Dio ci avvolgeranno se, grazie alla caduta, saremo diventati umili e tornati all’origine, al motivo vero per cui siamo nati. Seguire la nostra vocazione. Tornati ad allinearci a Dio».

L’UMILTÀ FA COMPIERE MIRACOLI

Il mondo reputa il successo, la fama, e i soldi i traguardi da raggiungere, mentre Cristo ci ha insegnato la via dell’umiltà. L’autore crede che su quella strada nascono i miracoli nella nostra vita e che sia un cammino che ci conduce all’incontro con il Signore.

“« Chi è il più piccolo tra tutti voi, questi è grande » (Lc 9,48b). Dunque l’umiltà è una delle vie per camminare lungo la strada di quella spiritualità praticata quotidianamente che porta a vivere veri e propri miracoli personali. Se si cercano i riflettori, la fama, il successo, l’ambizione, i miracoli non accadranno. Nasciamo e viviamo in una società che ci fa credere (…)che la nostra esistenza deve essere improntata al successo e al consenso. Ci fa credere che una persona è intelligente e forte soltanto se riesce a fare tanti soldi, a occupare posizioni di potere. « Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima? » (Mc 8,36). Dunque (…) dobbiamo imparare a saper vedere bene, a osservare profondamente e ad accogliere il creato e la vocazione per cui abbiamo voluto venire su questo pianeta. A un certo punto della nostra vita dobbiamo finalmente lasciarci andare e accogliere con fiducia nel nostro cuore nostro Signore. Dio”.


LEGGI ANCHE: «Dove c’è umiltà c’è misericordia»: le meditazioni di Kiko Argüello


NELLA PAURA ABBANDONIAMOCI AL SIGNORE

Il timore per il futuro, la paura di perdere le persone che amiamo, di ammalarci, di soffrire e morire. Sono molteplici le paure che invadono il cuore dell’uomo, le preoccupazioni che lo pressano, le angosce che l’opprimono. Affidarsi a Dio, confidare in Lui è una grande consolazione e certezza, perché ci ricorda che siamo fatti per l’eternità.

«La paura è l’ostacolo più duro che incontriamo nel nostro percorso di vita. Abbiamo paura di stare soli, abbiamo paura della sofferenza, dei fallimenti, di essere abbandonati, delle malattie, della morte. Proviamo troppa paura. (…) Chi vive di preoccupazioni trasmette intorno a sé preoccupazioni. In questi casi posso soltanto consigliarvi di abbandonarvi con fiducia a Dio. Lui non vi abbandonerà. Dovete sapere che la paura non esiste in realtà. È più pericolosa la paura della paura. Niente c’è sulla terra che faccia paura quanto provare paura. (…) Ricordiamo che siamo spiriti immortali, che siamo qui per fare un’esperienza temporanea terrena e la paura scompare immediatamente. Io faccio così e funziona sempre. Fatelo anche voi».

L’autore nella conclusione ci invita a non avere fretta, a non credere “che tutto avvenga qui e subito”, come noi abbiamo stabilito e programmato. Il nostro unico compito è quello di “metterci in connessione con Dio, poi ci pensa lui”.

«Anche le vie in cui realizzeremo i nostri sogni, i nostri desideri, non le conosciamo. Dio si muove misteriosamente per noi umani. Ma ci esaudirà, statene certi».

pubblicazione a cura del blogger Carlo Mafera (per gentile concessione della redazione di Aleteia)

Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...