La corruzione e gli effetti che ne derivano si trovano al primo posto tra le criticità per il futuro del Paese

Ricette per la buona sanità dal progetto «Curiamo la corruzione»

Roma, 24 marzo 2017 – Nel 2016 sono stati scoperti dalla Guardia di finanza appalti assegnati in maniera irregolare per un valore di 3.400.000 euro, un valore che è oltre tre volte superiore a quello del 2015. Dietro molte di queste assegnazioni si nascondono pratiche clientelari e di corruzione.

Una recente indagine del Censis rivela che proprio la corruzione e gli effetti che ne derivano si trovano al primo posto tra le criticità per il futuro del Paese, segnalati dal 27,3% degli italiani. Più importanti dei rischi connessi al terrorismo internazionale, indicati dal 23,1% della popolazione, e di quelli connessi al riscaldamento globale (20,3%). Opinioni che sono in linea con quelle espresse dai dirigenti delle strutture sanitarie che nel 98,7% dei casi ritengono che la corruzione sia uno dei maggiori problemi che affliggono il Paese.

Nell’ambito del progetto «Curiamo la corruzione» promosso da Transparency International Italia, Censis, ISPE Sanità e Rissc, e giunto al termine del secondo anno di attività, in 4 Asl pilota di Bari, Melegnano, Siracusa e Trento si stanno sperimentando buone pratiche e strumenti innovativi di contrasto alla corruzione nel sistema sanitario.

Tre sono gli strumenti su cui si concentrano gli interventi nelle Asl pilota: i Patti di integrità, la piattaforma per le segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti (whistleblowing) e la formazione etica.

I Patti di integrità sono accordi tra l’amministrazione aggiudicatrice e le società che partecipano a gare d’appalto pubbliche per garantire l’astensione da pratiche di corruzione e una corretta esecuzione del meccanismo di gara.

In base ai dati appena rilevati, questo strumento risulta già diffuso nel 79,4% delle strutture sanitarie, ma il progetto prevede l’introduzione in via sperimentale di forme di monitoraggio da parte della società civile associate all’applicazione dei Patti di integrità nelle Asl pilota di Melegnano e Bari.

La figura del segnalante (o whistleblower) è stata introdotta in Italia con la legge 190/2012, senza che però sia stato stabilito un efficace sistema di tutele. Su questo si è intervenuti con un disegno di legge specifico, che è fermo da mesi al Senato, nonostante una petizione popolare firmata da oltre 55.000 cittadini perché la legge venga discussa quanto prima.

Per garantire la tutela del segnalante, e in particolare l’anonimato di chi vuole riportare potenziali illeciti, le 4 Asl pilota del progetto «Curiamo la corruzione» hanno introdotto una piattaforma informatica per le segnalazioni. Ad oggi sono state ricevute 27 segnalazioni relative soprattutto alle nomine e all’esecuzione di servizi.

La formazione e la sensibilizzazione del personale interno alle strutture sanitarie vengono segnalate dal 51,9% dei Responsabili della prevenzione della corruzione delle strutture sanitarie tra le misure più efficaci percontrastare la corruzione. I partner del progetto hanno attivato 15 corsi di formazione e sensibilizzazione rivolti al personale e ai dirigenti delle Asl pilota cui hanno partecipato più di 900 dipendenti.

Dalle attività del progetto «Curiamo la corruzione» è scaturita una petizione popolare per un sistema sanitario nazionale più trasparente, integro ed equo. Con la petizione, che può essere visionata e sottoscritta sul sito del progetto (www.curiamolacorruzione.it), i partner intendono dimostrare quanto gli italiani tengano al proprio sistema sanitario e chiedere che venga finalmente messo al riparo da corrotti e malfattori. A sostenere fin da subito il coinvolgimento della società civile Altroconsumo e Cittadinanzattiva.

La mattina del 6 aprile a Roma, presso il Tempio di Adriano, si terrà la Seconda Giornata Nazionale contro la Corruzione in Sanità cui parteciperanno tra gli altri i Ministri Beatrice Lorenzin e Marianna Madia. Nel corso della giornata verranno presentati i risultati del secondo anno di attività del progetto: l’indagine sul livello di percezione della corruzione, l’analisi del rischio e degli sprechi economici e le raccomandazioni scaturite dal Tavolo di lavoro pubblico/privato.

Inoltre, in tutto il territorio, presso oltre 20 strutture sanitarie, verranno allestite postazioni dove verranno distribuiti i materiali del progetto e sarà possibile ergere muri simbolici contro la corruzione.

Collaboreranno alle iniziative territoriali del 6 aprile anche Altroconsumo, l’Associazione Italiana Medici (AIM), Cittadinanzattiva, il Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) e il Segretariato Italiano Studenti di Medicina (SISM).
TAG

Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...