In occasione del 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, SPV ricorda il sommo poeta con Paolo VI e Benedetto XV

Un regalo per i lettori di San Paolino’s Voice e un omaggio doveroso ad un Pontefice che tanto si adoperò per l’ecumenismo anche a livello culturale . Il suo amore per la Divina Commedia è giustificato dai suoi contenuti altamente teologici e il cui fine ultimo è proprio quello di fare accostare due mondi, apparentemente lontani, il pensiero laico e quello religioso.  Paolo VI rivendica con forza la dimensione fondante del cristianesimo dantesco, in opposizione a quanti “hanno sostenuto che la Divina Commedia non fosse poetica quando e dove è impregnata di teologia”. Anche Benedetto XV elogiò Dante ritenendolo  di essere un poeta cristiano e di aver cantato con accenti quasi divini gli ideali cristiani dei quali contemplava con tutta l’anima la bellezza e lo splendore, comprendendoli mirabilmente e dei quali egli stesso viveva.

La Divina Commedia può essere chiamata un itinerarium mentis in Deum, – afferma Paolo VI  – dalle tenebre della dannazione eterna alle lacrime della penitenza purificatrice e, di grado in grado, da una luminosa chiarezza a una ancor più lucente, da un amore fiammante a uno ancor più fiammante, su su fino alla Fonte della luce, dell’amore e della dolcezza eterna: “Luce intellettüal, piena d’amore; / amor di vero ben, pien di letizia; / letizia che trascende ogni dolzore”

+
Paolo VI
“Il signore dell’altissimo canto”: Dante Alighieri


[Introduzione]

[1.] Quest’anno ricorre un centenario del signore dell’altissimo canto, di Dante Alighieri, centenario degno di celebrazione: sono trascorsi infatti sette secoli da quando egli nacque a Firenze, città generosa nutrice anche di altri agili e poderosi ingegni.

[2.] È perciò degno e giusto che soprattutto il popolo italiano onori e commemori con grande ossequio e a gara il suo massimo poeta, l’onore luminosissimo della sua letteratura. Egli infatti è il principale creatore della sua lingua e rimane, attraverso le età, protettore e custode della sua civiltà, così come ne espresse e ne rappresentò la forma e l’immagine.

[3.] E invero anche le altre nazioni formate alla civiltà cristiana —— e non sono poche — desiderano partecipare a questa solenne rievocazione, e il nome di Dante, che gode e sempre godrà ovunque della fama di una gloria immortale, ora certamente rifulge ancor di più, quasi fiaccola portata in un luogo più eccelso.

[4.] Ed è pure chiara l’opportunità che la Chiesa cattolica sia presente nel tributare l’onore di una tale lode: essa lo annovera infatti fra gli uomini illustri adorni di valore e di sapienza, inventori di melodie musicali, amanti del bello (1).

[5.] Nell’eccelso coro dei poeti cristiani, dove si distinguono Prudenzio, sant’Efrem Siro, san Gregorio Nazianzeno, sant’Ambrogio vescovo di Milano, san Paolino da Nola, sant’Andrea di Creta, Romano Melode, Venanzio Fortunato, Adamo di San Vittore, san Giovanni della Croce e non pochi altri più recenti, che sarebbe lungo nominare a uno a uno, l’aurea cetra di Dante, la sua armoniosa lira risuonano con una melodia ammirevole per la grandezza dei temi trattati e per la purezza dell’afflato e dell’ispirazione, meravigliosa per il vigore congiunto a una squisita eleganza.

[6.] Per questo — seguendo l’esempio del Nostro Predecessore Benedetto XV, che pubblicò nella ricorrenza del sesto centenario della morte di Dante Alighieri la lettera enciclica In praeclara summorum (2) — anche Noi vogliamo tributare un segno di omaggio all’illustrissimo poeta. E questo non solo per rendergli gloria in questa circostanza passeggera, che s’inserisce nel corso del tempo e subito ne è travolta, ma per perpetuarne in qualche modo la gloria, non con l’erigere un silenzioso e gelido monumento di pietra o di bronzo, ma piuttosto con il far zampillare una fonte che fluisca di acque perenni, sia in sua lode sia a beneficio di una promettente gioventù. Perché i giovani — uno dopo l’altro affidati alla sua scuola e divenuti alunni di un tale maestro — diventino capaci d’illustrare la sua memoria e la sua opera, perché la sua poesia davvero verdeggi nel campo delle discipline letterarie, perché la sua sapienza umana e cristiana si affermi con nuova forza nella tradizione culturale degl’italiani, secondo la consuetudine e l’uso degli antenati che a giustissimo titolo venerarono Dante Alighieri come padre della loro lingua viva.

[7.] Abbiamo istituito perciò — in accordo con le competenti autorità accademiche — un insegnamento o Cattedra di Studi Danteschi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, quel grande ateneo a cui il Nostro venerabile Predecessore Pio XI dedicò tanta cura e tanta sollecitudine, e che i Romani Pontefici suoi successori — e Noi pure, sempre, ma in modo particolare quando svolgemmo il Nostro ministero come arcivescovo in Milano — hanno sempre trattato con grande onore e con pari benevolenza. Stabiliamo perciò motu proprio e per Nostra iniziativa che essa abbia un insegnamento o cattedra che promuova gli Studi Danteschi.

[8.] E Ci dà una grande gioia il fatto che questa fondazione testimoni pubblicamente la singolare venerazione che Noi abbiamo per il cantore della Divina Commedia, venerazione che vogliamo venga accesa con una fiamma inestinguibile e alimentata con maggior forza fra i giovani studenti, che vengono istruiti in quell’ateneo nelle migliori discipline e arti. Ne usciranno — questa è la Nostra speranza — alunni notevoli per l’acume dell’ingegno e per la pietà, essi stessi capaci a loro volta di farsi divulgatori di questi studi, da cui derivano tutte le ricchezze dell’aurea miniera dantesca; e queste ricchezze possano essere note a quanti amano il sapere e offrire alla letteratura delle future generazioni una fioritura rinnovata.

[9.] Qualcuno potrebbe forse chiedere come mai la Chiesa cattolica, per volontà e per opera del suo Capo visibile, si prenda così a cuore di celebrare la memoria del poeta fiorentino e di onorarlo. La risposta è facile e immediata: perché Dante Alighieri è nostro per un diritto speciale: nostro, cioè della religione cattolica, perché tutto spira amore a Cristo; nostro, perché amò molto la Chiesa, di cui cantò gli onori; nostro, perché riconobbe e venerò nel Romano Pontefice il Vicario di Cristo in terra.

[10.] Né rincresce ricordare che la sua voce si sia levata e abbia risuonato duramente contro alcuni Pontefici Romani, e che abbia ripreso con asprezza istituzioni ecclesiastiche e uomini che furono ministri e rappresentanti della Chiesa. Non passeremo sotto silenzio a questo proposito l’inclinazione del suo temperamento, questo aspetto della sua opera. Conosciamo bene infatti quanta e quale fu l’amarezza del suo animo, amarezza che fu tale da non risparmiare ben più duri rimproveri alla sua patria dilettissima, Firenze. Senza dubbio bisogna concedere alla sua arte e alla passione politica, soprattutto perché riprende vizi deplorevoli, una benigna indulgenza, che il compito di giudice e di correttore che egli rivendica a sé gli concilia.

[11.] Del resto è noto e riconosciuto che il suo temperamento così animoso non ha mai scosso la sua ferma fede cattolica e la sua filiale affezione verso la Santa Madre Chiesa.

[12.] Dante è nostro, Ci sia lecito ripetere a ragione, e lo affermiamo non per gloriarci di un tale trofeo per un amore ambizioso e orgoglioso, quanto piuttosto per ricordare a noi stessi il dovere di riconoscerlo tale, e di esplorare nella sua opera le ricchezze inestimabili della forza e del senso del pensiero cristiano, convinti come siamo che solo chi scava nelle segrete profondità dell’animo religioso del sommo poeta può comprendere a fondo e gustare con pari piacere i meravigliosi tesori spirituali nascosti nel poema.

[Catarsi e afflato religioso nella “Divina Commedia”]

[13.] E che ciò si esiga dal genere stesso del poema di Dante Alighieri risulta manifesto. Ogni poema degno di questo nome infatti eccita e solleva gli animi a pensieri e a sentimenti nuovi e possenti grazie a quella forza detta catarsi, forza propria della vera arte e della vera poesia. E questa elevatezza e sublimità, che risplende nella Divina Commedia in modo notevolissimo e singolare, scaturisce e deriva dal senso religioso, e più distintamente dalla fede cattolica.

[14.] Certamente la fede, che “come stella in cielo in me scintilla” (3), e che Dante Alighieri possiede in modo tale da non considerare nulla maggiore a essa, […] questa cara gioia / sopra la quale ogni virtù si fonda” (4), riempie — dal fondamento alla sommità, in tutte le sue parti — di luce e di calore questo tempio di poesia, che è tempio di fede. Per questo, da ciò su cui si fonda, il poema è detto sacro: “Se mai continga che ‘l poema sacro, / al quale ha posto mano e cielo e terra, / sì che m’ha fatto per più anni macro, / vinca la crudeltà che fuor mi serra / del bello ovile ov’io dormi’ agnello, / nimico ai lupi che li danno guerra; / con altra voce omai, con altro vello / ritornerò poeta, ed in sul fonte / del mio battesmo prenderò ‘l cappello” (5).

[Dante coronato
poeta ecumenico nel suo “bel San Giovanni”]

[15.] A questo punto Ci sia lecito esprimere la nostra perfetta e piena gioia per il fatto che — a dar compimento al voto e al presagio di Dante Alighieri — abbiamo felicemente potuto far sì che nel battistero del “mio bel San Giovanni” (6) — dove, purificato dal sacro lavacro, divenne cristiano e fu chiamato Dante — con grande concorso di Padri del Concilio Ecumenico Vaticano II fosse incastonato in una corona d’alloro dorata il monogramma in oro di Cristo, dono da Noi inviato per attestare la grandissima riconoscenza del mondo cristiano per aver cantato in modo mirabile “la verità che tanto ci sublima” (7).

[16.] L’alloro, di cui è adorno il capo di Dante Alighieri, onore e ornamento dell’Italia e di tutto il genere umano, non è mai seccato né inaridito. Tuttavia era opportuno che fosse accresciuto di nuove fronde, poiché egli merita, per la grandezza dell’ingegno e dell’opera, il titolo di poeta appartenente a tutte le genti, o ecumenico, illustrissimo, degnissimo di uno studio e di un ascolto assidui.

[17.] Certamente il poema di Dante Alighieri è universale: nella sua immensa larghezza abbraccia cielo e terra, eternità e tempo, i misteri di Dio e le vicende degli uomini, la dottrina sacra e le discipline profane, la scienza attinta alla divina Rivelazione e quella attinta dal lume della ragione, quanto egli aveva conosciuto per esperienza diretta e le memorie della storia, l’età in cui visse, e le antichità greche e romane; insomma, costituisce evidentemente il monumento più rappresentativo del Medioevo. E se si osserverà la sua forma e il suo contenuto, vi si vedranno certamente i frutti della sapienza degli orientali, del lógos dei greci, della civiltà dei romani, e vi si vedranno raccolte in sintesi le ricchezze del dogma della religione cristiana e dei precetti della legge, soprattutto così come furono elaborati dai dottori. Dante Alighieri segue Aristotele in filosofia, Platone nella tensione dell’intelletto a contemplare i modelli esemplari delle cose, sant’Agostino nel modo di concepire la storia e nell’importanza che vi attribuisce, è alunno fermo e fedele di san Tommaso d’Aquino in teologia, così che la sua opera — fra l’altro — è quasi uno specchio costituito di frammenti della Somma teologica del Dottore Angelico. E questo è certamente vero in generale; ma tuttavia è anche vero che Dante è mosso non poco dall’autorità di sant’Agostino, di san Bernardo, dei Vittorini, di san Bonaventura, né è estraneo a qualche influsso apocalittico dell’abate Gioachino da Fiore, è solito infatti protendersi verso cose che albeggiano o che, non ancora nate, sono contenute nel grembo del futuro.

[Il fine della “Divina Commedia” è soprattutto pratico e trasformante]

[18.] Il fine della Divina Commedia è anzitutto pratico ed è volto a trasformare e a convertire. Essa in realtà non si propone solo di essere poeticamente bella e moralmente buona, ma soprattutto di cambiare radicalmente l’uomo e di condurlo dal disordine alla sapienza, dal peccato alla santità, dalle sofferenze alla felicità, dalla considerazione terrificante dei luoghi infernali alle beatitudini del Paradiso. E il sommo vate l’afferma chiaramente nella lettera a Cangrande della Scala: “Il fine del tutto e della parte potrebbe essere molteplice, ossia prossimo e remoto; ma, tralasciando un esame minuzioso, si può dire brevemente che il fine del tutto e della parte è allontanare i viventi in questa vita dallo stato di miseria e condurli allo stato di felicità” (8).

[19.] Stando così le cose, la Divina Commedia può essere chiamata un itinerarium mentis in Deum, dalle tenebre della dannazione eterna alle lacrime della penitenza purificatrice e, di grado in grado, da una luminosa chiarezza a una ancor più lucente, da un amore fiammante a uno ancor più fiammante, su su fino alla Fonte della luce, dell’amore e della dolcezza eterna: “Luce intellettüal, piena d’amore; / amor di vero ben, pien di letizia; / letizia che trascende ogni dolzore” (9).

[20.] E i temi della poesia in effetti sono offerti come testimonianze sicure e moniti perché si ascenda a Dio. La natura e l’ordine soprannaturale, la verità e gli errori, il peccato e la grazia, il bene e il male, le opere degli uomini e gli effetti che ne conseguono, tutti sono considerati, giudicati, valutati al cospetto di Dio, e mostrano il loro vero valore nella prospettiva dell’eternità. E questa ascesa, rivolta a ciò che più è segreto ed eccelso, diventa epos di vita interiore, epos di grazia celeste, epos di viva esperienza mistica, di virtù multiforme; diventa teologia della mente e teologia del cuore.

[Dagli abissi infernali alla visione della Santissima Trinità. I santi e la Regina dei santi]

[21.] Gli abissi della pena dei vizi, i regni sereni dove le anime vengono purificate da ogni macchia, le ardue vette a cui conducono i molteplici cammini di santità, e coloro che furono altissimi modelli di santità — quali lodi vengono tessute di san Francesco, san Domenico, san Pier Damiani, san Benedetto da Norcia, san Romualdo, san Bernardo! —, tutto ciò sale a raggiungere un vertice. Per chi dunque ne coglie il senso salutare, i cento canti costituiscono cento gradini di una scala, come quella che Giacobbe vide in sogno, che salgono dai luoghi più bassi alla luce della Santissima Trinità. E prima del gradino più elevato sta la Vergine Maria, Madre di Dio, che san Bernardo prega di aiutare come avvocata propizia il pellegrino nuovo e inesperto affinché il suo desiderio supremo venga soddisfatto.

[22.] Certamente Maria — “Il nome del bel fior ch’io sempre invoco / e mane e sera” (10), colei “che là su vince, come qua giù vinse” (11) — appare al poeta fiorentino amministratrice dei doni celesti; essa, fulgida porta del cielo, rimuove le distanze che separano il Creatore e le creature e introduce a fissare la mente in Cristo e nella Verità Suprema: “Or questi, che da l’infima lacuna / de l’universo infin qui ha vedute / le viste spiritali ad una ad una, / supplica a te, per grazia, di virtute / tanto, che possa con li occhi levarsi / più alto verso l’ultima salute. / E io, che mai per mio veder non arsi / più ch’i’ fo per lo suo, tutti miei preghi / ti porgo, e priego che non sieno scarsi, / perché tu ogni nube li disleghi / di sua mortalità co’ prieghi tuoi, / sì che ‘l sommo piacer li si dispieghi (12).

[È simboleggiato il genere umano in cerca della pace]

[23.] Protagonista è lo stesso poeta, che rappresenta il genere umano; egli, sempre sotto il velo dell’allegoria, lo conduce a riconoscere le proprie colpe e a riprendere la via della virtù, a lasciarsi illuminare e purificare; a unirsi finalmente e ad aderire alla somma Verità e al sommo Bene.

[24.] La legge divina è stata data agli uomini perché, seguendola, raggiungessero la felicità sia in questa vita terrena sia in quella eterna a cui aspirano, seguendo il vero bene che ispira il retto amore, e fuggendo il male, origine di un amore distorto, della cupidigia e della malizia.

[25.] “È chiaro che nella quiete, cioè nella tranquillità della pace, il genere umano si trova nelle migliori condizioni per perseguire il suo fine specifico, che è quasi divino, secondo quel famoso passo: “l’hai fatto poco meno degli angeli” (Ps. VIII, 6)” (13).

[26.] Questa pace — che riguarda i singoli, le famiglie, le nazioni, il consorzio umano, pace interna ed esterna, pace individuale e pubblica —, questa tranquillità dell’ordine è turbata e scossa perché la pietà e la giustizia vengono disprezzate. Perciò, per restaurare l’ordine e la salvezza, vengono chiamate a illuminare, in reciproca armonia, la Fede e la ragione, Beatrice e Virgilio, la Croce e l’Aquila, la Chiesa e l’Impero, la ridestata coscienza della condizione in cui sono posti gli uomini sulla terra; e intanto viene predicato l’universale annuncio — oscuro ma certo — del secolo venturo. Il cielo e la terra insieme fanno risuonare questo Vangelo di pace.

[27.] Certamente la Divina Commedia è poema di pace: lugubre canto della pace per sempre perduta nell’Inferno; dolce canto della pace verso cui sospira la speranza è il Purgatorio; e il Paradiso è un magnifico canto di esultanza della pace posseduta nella pienezza e per sempre.

[Tempio di sapienza e d’amore]

[28.] Similmente la Divina Commedia è tempio di sapienza e d’amore, di una sapienza che spira amore e di un’amore ripieno di sapienza. Chi può negare che i versi del divino poeta ardano d’amore per gli uomini, amore da cui nasce un pressante ed efficace ammonimento a essere — in qualsiasi stato e condizione di vita — migliori, e a dirigersi verso le mete loro poste dal provvidentissimo Dio?

[29.] Per questo il poema ha cura di purificare ogni aspetto della società, con l’affermare una libertà che affranchi dalla schiavitù del male, e che spinga a trovare e ad amare Dio nel giusto uso dei suoi doni, sia quelli che riguardano la storia, sia quelli che riguardano tutti gli aspetti della vita. Dante infatti professa una stima e una valorizzazione di quanto è umano, i cui aspetti principali riteniamo opportuno spiegare come si conviene.

[Umanesimo di Dante]

[30.] Quest’umanesimo del sommo poeta trae origine da un aspetto della dottrina di san Tommaso d’Aquino, e si distingue per il suo carattere ottimistico. Si basa su sicuri fondamenti, cioè che la grazia non distrugge la natura, ma la risana e la perfeziona, e che “persona est nomen dignitatis” (14). Si oppone diametralmente ad alcune tesi ascetiche e mistiche secondo cui tutti dovrebbero aspirare al contemptus mundi come unica forma di vita perfetta.

[31.] Dante Alighieri non solo approva tutti i valori umani — intellettuali, morali, affettivi, culturali, civili —, ma addirittura li esalta. E ciò che va soprattutto tenuto presente è che questi beni vengono apprezzati e stimati quando egli s’immerge nel divino, dove la contemplazione delle cose celesti avrebbe potuto rendere senz’altro vuoti e inutili i beni terreni. Anzi, la sua umanità si delinea lì ancor più pienamente e si perfeziona nel vortice dell’amore divino; anche in seno alla splendente immensità dei cieli egli si sente preso dall’urgenza del messaggio di verità e di bontà che “l’aiuola che ci fa tanto feroci” (15), quel lontanissimo punto della nostra infelice terra, attende da lui.

[32.] Per quanto riguarda l’antichità classica, egli ritiene che sia stata una provvidenziale preparazione alla religione cristiana e che ne abbia spesso offerto allegorie; diversamente rispetto a quanto accadde nel cosiddetto Rinascimento, o almeno presso molti uomini di quel periodo, che valutava i beni umani indipendentemente da Dio; nel medesimo periodo poi l’umanesimo si volgeva alle istituzioni e ai costumi pagani, e veniva inficiato dall’errore pelagiano.

[Visione politica]

[33.] Ci sia lecito accennare di passaggio alla sua dottrina politica.

[34.] Le due potestà, la Chiesa e l’Impero, sono state ordinate da Dio perché conducano gli uomini a conseguire la felicità, la prima quella celeste, il secondo invece quella terrena; e come quelle felicità sono distinte fra loro, benché la seconda sia subordinata alla prima, così ciascuna potestà — nella sfera e nell’ambito propri — è indipendente dall’altra, e questo per evitare la confusione fra quanto è sacro e quanto è profano. Tuttavia esse devono aiutarsi reciprocamente, e certamente, in materia di fede e di morale, questo aiuto consiste in una pronta ubbidienza dell’imperatore al Sommo Pontefice; l’una potestà e l’altra poi sono al servizio della res publica christiana.

[35.] La Chiesa, libera e non impacciata dal fardello di un inutile fasto, priva di preoccupazioni terrene, si dedica con ogni zelo a proclamare la verità e a farla fruttificare: “Non vi si pensa quanto sangue costa / seminarla nel mondo, e quanto piace / chi umilmente con essa s’accosta” (16).

[36.] E sicuramente ciò non ha nulla a che vedere con la tesi, introdotta da Marsilio da Padova e diffusasi nella nostra epoca, secondo cui la città terrena deve essere radicalmente separata dalla Chiesa.

[37.] All’imperatore è affidato il compito, più che altro di ordine morale, di far trionfare la giustizia e di annientare l’avidità, che è causa di disordine e di guerre: da ciò appare necessaria una monarchia universale. Questa — tratteggiata in termini medievali — esige una potestà sovranazionale, che faccia vigere un’unica legge a tutela della pace e della concordia dei popoli. Il presagio del divino poeta non è affatto utopistico, come ad alcuni potrebbe sembrare, dal momento che ha trovato nella nostra epoca una certa attuazione nell’Organizzazione delle Nazioni Unite, con estensione e beneficio che tendono a riguardare i popoli del mondo intero.

[Poeta dei teologi, teologo dei poeti]

[38.] Non possiamo esimerCi dall’accennar pure brevemente a quali relazioni intercorrano fra la verità della religione e quella della poesia, e questo per porre maggiormente in luce come tali rapporti si realizzino nella Divina Commedia e per trattare in breve dell’arte poetica di Dante Alighieri, dal momento che soprattutto ciò è, per molti motivi, richiesto perché la poesia rifiorisca, sia in generale sia, particolarmente, quella religiosa.

[39.] Giovanni di Virgilio preparò per il sepolcro di Dante un epitaffio in cui così lo lodava: “Dante teologo, di nessuna dottrina ignaro, / che filosofia scaldi nel suo nobile seno”.

[40.] Da questi egli è stato onorato soprattutto con il titolo di teologo. È prevalso tuttavia — per consenso che non tardò a farsi unanime — l’appellativo di sommo poeta, con cui lo acclamarono i secoli; e divina è stata chiamata la sua Commedia.

[41.] L’onore di entrambi i titoli gli si addice giustamente. E tuttavia non va considerato poeta, bensì teologo, ma ancor meglio va proclamato signore dell’altissimo canto, poiché si rivelò teologo dalla mente sublime.

[42.] La nobiltà, la grandezza, i pregi grandissimi della sua poesia sono a tal punto evidenti che non è affatto il caso di ricorrere, per provarle, a complicate argomentazioni. L’eccelsa cima di un monte, non toccata — per tanto trascorrere di tempo — dall’erosione delle acque, non ha bisogno di discorsi lunghi e prolissi per mostrarsi nella sua grandezza: è sufficiente darle un rapido sguardo.

[Mistagogo nel santuario dell’arte]

[43.] È più utile che, come Virgilio fu guida a Dante, così Dante possa essere per altri, quanto più numerosi possibile, un secondo Virgilio, che li introduca nel santuario dell’arte, e soprattutto dell’arte poetica. E questo è ancor più auspicabile ai nostri tempi, in cui al progresso economico e tecnologico non di rado corrisponde un regresso della vita spirituale. L’arte soffre d’indigenza: assai spesso viene portata a espressioni inconsistenti e unilaterali, viene ridotta a un soggettivismo — per così dire — manicheo, sprezzante della natura, viene trasformata in riso cinico, in descrizione ed esaltazione dei vizi; e, per quanto riguarda la poesia, si ammette solamente o di gran lunga si preferisce la lirica, poiché si pongono restrizioni e limitazioni sterili e per nulla indispensabili.

[Essenza della poesia]

[44.] Ci sono alcuni che deducono da princìpi filosofici da loro inventati o abbracciati che non v’è differenza fra poesia e prosa; altri invece, pur riconoscendo tale distinzione, attribuiscono alla poesia il carattere di liricità, teso a commuovere l’animo, ed esigono da essa il solo linguaggio del sentimento e dell’intuizione, mentre alla prosa attribuiscono il carattere logico, scientifico, oggettivo.

[45.] È evidente che nella profondità dello spirito si può trovare il luogo da cui la poesia trae i propri temi. Ma pure, quando abbandona o disprezza la facoltà intellettiva, non giunge mai a qualcosa di logico, perspicuo, concreto; e così viene alla luce gracile, oscura, sostenuta da uno stile ampolloso, e produce emozioni che si spengono in vuoto languore.

[46.] La costruzione poetica invece non va affatto svalutata per la sua grandezza. Presso gli antichi le forme poetiche più apprezzate erano il poema epico e la tragedia. Platone attribuiva il primato alla prima, Aristotele invece alla seconda (17), poiché riteneva che vi fossero contenute le arti più sublimi.

[Psicagogia, ispirazione e ritmo]

[47.] Il criterio per determinare il grado di bellezza e di perfezione era richiesto soprattutto alla psicagogia, ossia alla potenza con cui l’autore — in modo efficace, conveniente e compiuto — conduce gli animi là dove si era proposto. E anche Orazio attribuisce all’arte questa regola imprescindibile: “Non basta che i componimenti poetici siano belli; siano piacevoli: / E conducano ovunque vogliano l’animo dell’uditore” (18).

[48.] Ora, tutto ciò si può ottenere con il linguaggio proprio della poesia, e soprattutto con quella facoltà, certamente misteriosa e che forse mai sarà ben conosciuta, che chiamiamo ispirazione divina. Questa non abbatte né disprezza affatto la ragione, ma costituisce piuttosto un altro modo di conoscere, un’altra via per impossessarsi della realtà, e scopre così rapporti che quella non vede. Ma l’arte ha bisogno della ragione nell’attività tumultuosa che precede il bagliore dell’ispirazione, che viene a illuminare, placare, rendere semplice tutto quanto era stato abbozzato; e della medesima ragione ha bisogno pure per il successivo completamento dell’opera, che va senza dubbio condotto con abilità e talento, per partecipare agli altri gli stati e le disposizioni d’animo non solo suscitando idee, immagini, affetti, ma anche con una perfetta fusione e armonia dei diversi elementi: infatti “principio e fonte del bello scrivere è l’esser saggio” (19).

[49.] A ciò s’aggiunga che è necessario produrre quasi un fluido, come una forza magnetica, grazie all’ordine e all’accorta congiunzione delle parole, alla dolcezza del suono, al ritmo: “A chi abbia ingegno, mente più divina e bocca / che canti grandi cose, darai l’onore di un tale titolo [di poeta] (20).

[Eccellenza di forma e di pensiero nella “Divina Commedia”]

[50.] E certamente in Dante Alighieri la forza come di fiamma e l’ispirazione sono le cause che animano la sua opera e la sollevano a una mirabile altezza quasi in un abbraccio di tutto il mare dell’essere: […] I’ mi son un, che quando / Amor mi spira, noto, e a quel modo / ch’e’ ditta dentro vo significando” (21).

[51.] Nella Divina Commedia si trovano tutti i generi poetici: vi sono infatti l’epico, il lirico, il didascalico, il satirico, il drammatico, e di quest’ultimo sia quello di carattere che quello d’azione; e ciò viene ottenuto con un continuo combinare elementi diversi e molteplici, conservando l’armonia di una splendida unità architettonica. E tutti i sentimenti e i toni vi sono chiamati a risuonare: dolci e bellicosi, tristi e lieti, pieni di sprezzo e di ammirazione, esprimenti ira, terrore, paura, amore, preghiera, adorazione, dolce riso, estasi.

[52.] Con il suo stile tutto proprio, il sommo poeta canta le realtà più misteriose e sublimi della vita, i misteri di Dio e i più alti pensieri degli uomini. Quella fonte da cui sgorga un così largo fiume di eloquenza appare cosa grandiosa e straordinaria, sol che si pensi che si serve di quella lingua italiana allora neonata e informe, senza alcuna esperienza di espressione artistica. E proprio essa, “pane orzato […] [e] sole nuovo” (22) —, che di fronte a Dante Alighieri potrebbe dire: “da mia natura / trasmutabile son per tutte guise” (23) —, gli si offre come strumento docile per esprimere — ora con dignità aristocratica, ora con una certa rozzezza popolare, ora con forza, ora con delicatezza — con molteplice timbro e colorito musicale tutto quanto muove il suo animo o rapisce la sua mente, accessi d’ira e slanci d’amore, rimproveri e lodi, le grida dei dannati nell’Inferno e le preghiere dei santi in Paradiso, visioni, sogni, presagi, decisioni, le sottigliezze della filosofia e le vette della teologia.

[Rapporti fra teologia e poesia]

[53.] Questo accenno alla teologia apre un problema che la riguarda. Alcuni critici hanno sostenuto che la Divina Commedia non fosse poetica quando e dove è impregnata di teologia. Altri invece ritengono diversamente, certi che proprio in quei punti essa risplenda e brilli di una luce meridiana, tutta sua. Non siamo di parere diverso da questi ultimi, sia per ragioni generali, sia per ragioni particolari, relative al problema sollevato dalla teologia.

[54.] Chi può mettere in dubbio che il senso religioso, le verità di fede, gli aneliti che dal finito salgono verso l’Infinito, siano stati e siano sempre una fonte da cui la poesia sgorga abbondantemente? Non ne è questa la forma più alta e più pura? Quando con il linguaggio che le è proprio — preferisce cantare anziché parlare, dipingere anziché argomentare, e scolpire, quando vuol perorare — la poesia esprime l’esperienza mistica, i moti della grazia, l’estasi, quando si eleva alla suprema Bellezza, al Bene e al Vero che trascende l’umana intelligenza, di fronte a cui vien meno la capacità di dire — “alla etterna luce, / che, vista, sola e sempre amore accende” (24) —, proprio allora essa diventa un dono preziosissimo della bontà divina, un riflesso della sua gloria: appare infatti: […] giorno a giorno / essere aggiunto, come quei che puote / avesse il ciel d’un altro sole adorno” (25).

[Preghiera e poesia]

[55.] Del resto i contemplativi, cioè gli uomini religiosi per eccellenza, sono portati più di tutti gli altri alla grande poesia; e meravigliosi esempi di essa sono da tutti considerati i vaticini dei profeti e i salmi di Davide.

[56.] Una segreta parentela unisce certamente i mistici e i veri poeti, e in generale gli artefici delle arti, di cui la poesia è generatrice e madre. In realtà il dono della poesia corrisponde, nell’ordine naturale, a quello della profezia e dell’estasi nell’ordine soprannaturale; infatti nella loro esplicazione vi è un analogo movimento e processo psicologico; mistici e poeti cercano la dimora più recondita dell’animo, il vertice dello spirito, il centro del cuore, dove gli uni sentono la presenza Dio, mentre gli altri vi percepiscono — benché non intimamente compresa, ma piuttosto sospettata e in qualche modo intuita — la presenza di un dono dell’“autore della bellezza” (26).

[Si coltivi la poesia religiosa: modello Dante Alighieri]

[57.] Cogliamo ora l’occasione che Ci si offre per esortare a coltivare la poesia religiosa, sia quella corale, accompagnata dalla musica, che raccoglie in sé i sentimenti della moltitudine nell’interpretazione delle vere voci della natura, nella celebrazione delle feste religiose e degli avvenimenti importanti — lieti e tristi — che accadono, sia di quella poesia che manifesta i colloqui dell’anima con Dio, che le apre la fonte della vita e la trascende.

[58.] Senza dubbio i credenti in Cristo, nel cui cuore, per la grazia della fede, abita come maestro e pedagogo il Verbo della vita, possono considerare loro propria in modo particolare l’arte della parola, anche se semplice e umile. La coltivino dunque, come un terreno fecondo, guardando all’esempio di Dante Alighieri, che ne è modello difficilmente superabile anche per le ragioni che esponiamo.

continua da pagina ventinove

[59.] Se si considera l’unione, nella sua opera, degli elementi dottrinali e dei princìpi dell’arte poetica, appare con evidenza l’opportunità e la validità della loro mutua alleanza. Nessuno dei due elementi — benché l’uno sia all’altro sottoposto — è giustapposto in modo disordinato all’altro, entrambi invece costituiscono un organismo vivo e armonioso, non diversamente che le ossa e la carne nel corpo umano: cosicché se l’uno viene a mancare anche l’altro non può sostenersi; la bellezza consiste infatti nel loro accordo.

[La bellezza ancella di verità e di bontà]

[60.] Di più: la teologia e la filosofia hanno un altro rapporto con la poesia, consistente in questo: la bellezza, offrendo alla dottrina il suo ornamento e la sua veste — ora con la dolcezza del canto, ora con le immagini dell’arte figurativa — apre la strada a che i suoi preziosissimi insegnamenti siano comunicati a molti.

[61.] Le alte disquisizioni e i sottili ragionamenti risultano inaccessibili agli umili, che pure — e sono una moltitudine — desiderano il pane della verità. Sennonché anch’essi avvertono, gustano, apprezzano l’efficacia e il dono della bellezza; e per questa via è più facile che la verità risplenda loro e li nutra. Questo si propose, questo realizzò l’autore dell’altissimo canto, per cui la bellezza divenne ancella della bontà e della verità, e la bontà materia della bellezza.

[“Onorate l’altissimo poeta”]

[62.] Ma è giunto il momento di porre termine alla Nostra impari celebrazione delle lodi di Dante Alighieri, concludendo con la viva esortazione: “Onorate l’altissimo poeta”.

[63.] Tutti l’onorino, poiché egli tutti riguarda: onore del nome di cattolico, cantore ecumenico ed educatore del genere umano: e con maggior diligenza e più fermo impegno l’onorino coloro che più gli sono vicini per religione, carità di patria, vicissitudini, affinità di studi.

[64.] Quelli poi che più sono dotati non solo abbiano in mano giorno e notte una copia della Divina Commedia, sublime capolavoro, ma approfondiscano anche tutto quanto vi rimane d’inesplorato e d’oscuro.

[65.] Cerchino tutti di leggerla integralmente, senza precipitazione né di corsa, ma con mente penetrante e attenta riflessione. Che se, per vari motivi, a molti ciò non riesca possibile, che difficilmente si trovi qualcuno che ne ignori il contenuto, gl’ideali, le parti e i versi più famosi.

[Conclusione]

[66.] Esortiamo infine gli uomini della nostra epoca a perfezionare e illuminare la loro cultura incontrandosi con un così alto spirito. Il settimo centenario della sua nascita infatti ce lo conduce quale astro luminosissimo, a cui volgere lo sguardo e a cui — ostacolati da una selva oscura — chiedere di orientarci verso “il dilettoso monte / ch’è principio e cagion di tutta gioia” (27).

[67.] Noi, da parte Nostra — per tributargli onore nelle presenti solenni celebrazioni, e desiderando che se ne conservi il ricordo con un’iniziativa utile al suo culto — abbiamo istituito Motu proprio, come abbiamo detto sopra, un insegnamento o Cattedra di Studi Danteschi nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. E affidiamo tutto ciò che abbiamo stabilito motu proprio alla fedele esecuzione del nostro Venerabile Fratello Carlo Colombo, Vescovo titolare di Vittoriana, Preside dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Milano, e, per suo tramite, al Nostro diletto figlio Ezio Franceschini, Magnifico Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

[68.] Quanto poi con questa lettera apostolica, data motu proprio, abbiamo stabilito, ordiniamo che sia sempre valido e stabile, senza che alcunché possa essere addotto a ostacolo.

Dato in Roma, il giorno 7 del mese di dicembre, festa di sant’Ambrogio Vescovo, anno 1965, terzo del Nostro Pontificato.

Paulus P. P. VI

Litterae Apostolicae Motu proprio datae “Altissimi cantus” septimo exeunte saeculo a Dantis Aligherii ortu

, in Acta Apostolicae Sedis. Commentarium officiale, anno e vol. LVIII, 1966, Città del Vaticano, pp. 22-37. Titolo, titoli intermedi e traduzione redazionali.

a cura di Carlo Mafera


Note(1) Cfr. Eccli. 44, 1-5.
(2) Cfr. A.A.S. XIII, 1921, pp. 209 ss.
(3) Par. XXIV, 147.
(4) Ibid., 89-90.
(5) Par. XXV, 1-9.
(6) Inf. XIX, 17.
(7) Par. XXII, 42.
(8) Ep. XIII, 15.
(9) Par. XXX, 40-42.
(10) Par. XXIII, 88-89.
(11) Ibid., 93.
(12) Par. XXXIII, 22-33.
(13) Monarchia, I, IV, 2.
(14) Cfr. Summa Theologiae, I, q. 1, a. 8 ad 2; I-II, q. 109, a. 8; I, q.29, a. 3 ad 2.
(15) Par. XXII, 151.
(16) Par. XXIX, 91-93.
(17) Plato, Leg. II, 658 d et ss.; Aristoteles, Poetica, 1461 b 26 et ss.
(18) Horatius, Ars poetica, 99-100; cfr. Epist. II, I, 212-214.
(19) Id., Ars poetica, 309.
(20) Id., Satir. I, IV, 43-44.
(21) Purg. XXIV, 52-54.
(22) Conv. I, 13.
(23) Par. V, 99.
(24) Ibid., 8-9.
(25) Ibid. I, 61-63.
(26) Sap. 13, 3; cfr. H. Bremond, Prière et poésie, Paris 1926.
(27) Inf. I, 77-78.


 

LETTERA ENCICLICA
IN PRAECLARA SUMMORUM

DEL SOMMO PONTEFICE
BENEDETTO XV
AI DILETTI FIGLI PROFESSORI ED ALUNNI
DEGLI ISTITUTI LETTERARI E DI ALTA CULTURA
DEL MONDO CATTOLICO
IN OCCASIONE DEL VI CENTENARIO DELLA MORTE
DI DANTE ALIGHIERI

Benedetto XV

Diletti figli, salute e Apostolica Benedizione.

Nella illustre schiera dei grandi personaggi, che con la loro fama e la loro gloria hanno onorato il cattolicesimo in tanti settori ma specialmente nelle lettere e nelle belle arti, lasciando immortali frutti del loro ingegno e rendendosi altamente benemeriti della civiltà e della Chiesa, occupa un posto assolutamente particolare Dante Alighieri, della cui morte si celebrerà tra poco il sesto centenario. Mai, forse, come oggi fu posta in tanta luce la singolare grandezza di questo uomo, mentre non solo l’Italia, giustamente orgogliosa di avergli dato i natali, ma tutte le nazioni civili, per mezzo di appositi comitati di dotti, si accingono a solennizzarne la memoria, affinché questo eccelso genio, che è vanto e decoro dell’umanità, venga onorato dal mondo intero.

Noi pertanto, in questo magnifico coro di tanti buoni, non dobbiamo assolutamente mancare, ma presiedervi piuttosto, spettando soprattutto alla Chiesa, che gli fu madre, il diritto di chiamare suo l’Alighieri.

Quindi, come al principio del Nostro Pontificato, con una lettera diretta all’Arcivescovo di Ravenna, Ci siamo fatti promotori dei restauri del tempio presso cui riposano le ceneri dell’Alighieri, così ora, quasi ad iniziare il ciclo delle feste centenarie, Ci è parso opportuno rivolgere la parola a voi tutti, diletti figli, che coltivate le lettere sotto la materna vigilanza della Chiesa, per dimostrare ancor meglio l’intima unione di Dante con questa Cattedra di Pietro, e come le lodi tributate a così eccelso nome ridondino necessariamente in non piccola parte ad onore della fede cattolica.

In primo luogo, poiché il nostro Poeta durante l’intera sua vita professò in modo esemplare la religione cattolica, si può dire consentaneo ai suoi voti che questa commemorazione solenne si faccia, come si farà, sotto gli auspici della religione; e che se essa avrà compimento in San Francesco di Ravenna, s’inizi però a Firenze, in quel suo bellissimo San Giovanni, a cui negli ultimi anni di sua vita egli, esule, con intensa nostalgia ripensava, bramando e sospirando di essere incoronato poeta sul fonte stesso dove, bambino, era stato battezzato.

Nato in un’epoca nella quale fiorivano gli studi filosofici e teologici per merito dei dottori scolastici, che raccoglievano le migliori opere degli antichi e le tramandavano ai posteri dopo averle illustrate secondo il loro metodo, Dante, in mezzo alle varie correnti del pensiero, si fece discepolo del principe della Scolastica Tommaso d’Aquino; e dalla sua mente di tempra angelica attinse quasi tutte le sue cognizioni filosofiche e teologiche, mentre non trascurava nessun ramo dell’umano sapere e beveva largamente alle fonti della Sacra Scrittura e dei Padri. Appreso così quasi tutto lo scibile, e nutrito specialmente di sapienza cristiana, quando si accinse a scrivere, dallo stesso mondo della religione egli trasse motivo per trattare in versi una materia immensa e di sommo respiro.

In questa vicenda si deve ammirare la prodigiosa vastità ed acutezza del suo ingegno, ma si deve anche riconoscere che ben poderoso slancio d’ispirazione egli trasse dalla fede divina, e che quindi poté abbellire il suo immortale poema della multiforme luce delle verità rivelate da Dio, non meno che di tutti gli splendori dell’arte.

Infatti tutta la sua Commedia, che meritatamente ebbe il titolo di divina, pur nelle varie finzioni simboliche e nei ricordi della vita dei mortali sulla terra, ad altro fine non mira se non a glorificare la giustizia e la provvidenza di Dio, che governa il mondo nel tempo e nell’eternità, premia e punisce gli uomini, sia individualmente, sia nelle comunità, secondo le loro responsabilità. Quindi in questo poema, conformemente alla rivelazione divina, risplendono la maestà di Dio Uno e Trino, la Redenzione del genere umano operata dal Verbo di Dio fatto uomo, la somma benignità e liberalità di Maria Vergine Madre, Regina del Cielo, e la superna gloria dei santi, degli angeli e degli uomini. Ad esso si contrappone la dimora delle anime che, una volta consumato il periodo di espiazione previsto per i peccatori, vedono aprirsi il cielo davanti a loro. Ed emerge che una sapientissima mente governa in tutto il poema l’esposizione di questi e di altri dogmi cattolici.

Se il progresso delle scienze astronomiche dimostrò poi che non aveva fondamento quella concezione del mondo, e che non esistono le sfere supposte dagli antichi, trovando che la natura, il numero e il corso degli astri e dei pianeti sono assolutamente diversi da quanto quelli ne pensavano, non venne meno però il principio fondamentale, che l’universo, qualunque sia l’ordine che lo sostiene nelle sue parti, è opera del cenno creatore e conservatore di Dio onnipotente, il quale tutto muove, e la cui gloria risplende in una parte più, e meno altrove; questa terra che noi abitiamo, quantunque non sia il centro dell’universo, come un tempo si credeva, tuttavia è sempre stata la sede della felicità dei nostri progenitori, e testimone in seguito della loro miserrima caduta, che segnò per essi la perdita di quella felice condizione che fu poi restituita dal sangue di Gesù Cristo, eterna salvezza degli uomini. Perciò Dante, che aveva costruito nel proprio pensiero la triplice condizione delle anime, immaginando prima del giudizio finale sia la dannazione dei reprobi, sia l’espiazione delle anime pie, sia la felicità dei beati, deve essere stato ispirato dalla luce della fede.

In verità Noi riteniamo che gl’insegnamenti lasciatici da Dante in tutte le sue opere, ma specialmente nel suo triplice carme, possano servire quale validissima guida per gli uomini del nostro tempo. Innanzi tutto i cristiani debbono somma riverenza alla Sacra Scrittura e accettare con assoluta docilità quanto essa contiene. In ciò l’Alighieri è esplicito: « Sebbene gli scrivani della divina parola siano molti, tuttavia il solo che detta è Dio, il quale si è degnato di esprimerci il suo messaggio di bontà attraverso le penne di molti » [1]. Espressione splendida e assolutamente vera! E così pure la seguente: « Il Vecchio e il Nuovo Testamento, emessi per l’eternità, come dice il Profeta » contengono « insegnamenti spirituali che trascendono la ragione umana », impartiti « dallo Spirito Santo, il quale attraverso i Profeti, gli Scrittori di cose sacre, nonché attraverso Gesù Cristo, coeterno Figlio di Dio, e i suoi discepoli rivelò la verità soprannaturale e a noi necessaria » [2]. Pertanto Dante dice giustamente che da quell’eternità che verrà dopo il corso della vita mortale « noi traiamo la certezza che viene dall’infallibile dottrina di Cristo, la quale è Via, Verità e Luce: Via, perché attraverso essa giungiamo senza ostacoli alla beatitudine eterna; Verità, perché essa è priva di qualsiasi errore; Luce, perché ci illumina nelle tenebre terrene dell’ignoranza » [3]. Egli onora di non minore rispetto « quei venerandi Concìli principali, ai quali tutti i fedeli credono senza alcun dubbio che Cristo abbia partecipato ». Oltre a questi, Dante tiene in grande stima « le scritture dei dottori, di Agostino e di altri ». In proposito, egli dice: « Chi dubita che essi siano stati aiutati dallo Spirito Santo, o non ha assolutamente visto i loro frutti o, se li ha visti, non li ha mai gustati » [4].

Per la verità, l’Alighieri ha una straordinaria deferenza per l’autorità della Chiesa Cattolica e per il potere del Romano Pontefice, tanto che a suo parere sono valide tutte le leggi e tutte le istituzioni della Chicaa che dallo stesso sono state disposte. Da qui quell’energica ammonizione ai cristiani: dal momento che essi hanno i due Testamenti, e contemporaneamente il Pastore della Chiesa dal quale sono guidati, si ritengano soddisfatti di questi mezzi di salvezza. Perciò, afflitto dai mali della Chiesa come fossero suoi, mentre deplora e stigmatizza ogni ribellione dei cristiani al Sommo Pontefice dopo il trasferimento dell’Apostolica Sede da Roma [ad Avignone], così scrive ai Cardinali Italiani: «Noi, dunque, che confessiamo il medesimo Padre e Figliuolo: il medesimo Dio e uomo, e la medesima Madre e Vergine; noi, per i quali e per la salvezza dei quali fu detto a colui che era stato interrogato tre volte a proposito della carità: “ Pasci, o Pietro, il sacrosanto ovile ”; noi che di Roma (cui, dopo le pompe di tanti trionfi, Cristo con le parole e con le opere confermò l’imperio sul mondo, e che Pietro ancora e Paolo, l’Apostolo delle genti, consacrarono quale Sede Apostolica col proprio sangue), siamo costretti con Geremia, facendo lamenti non per i futuri ma per i presenti, a piangere dolorosamente, di essa, quale vedova e derelitta; noi siamo affranti nel vedere lei così ridotta, non meno che il vedere la piaga deplorevole delle eresie » [5].

Dunque egli definisce la Chiesa Romana quale «Madre piissima » o « Sposa del Crocifisso », e Pietro quale giudice infallibile della verità rivelata da Dio, cui è dovuta da tutti assoluta sottomissione in materia di fede e di comportamento ai fini della salvezza eterna. Pertanto, quantunque ritenga che la dignità dell’Imperatore venga direttamente da Dio, tuttavia egli dichiara che « questa verità non va intesa così strettamente che il Principe Romano non si sottometta in qualche caso al Pontefice Romano, in quanto la felicità terrena e in un certo modo subordinata alla felicità eterna » [6]. Principio davvero ottimo è sapiente, che se fosse fedelmente osservato anche oggi recherebbe certamente copiosi frutti di prosperità agli Stati.

Ma, si dirà, egli inveì con oltraggiosa acrimonia contro i Sommi Pontefici del suo tempo. È vero; ma contro quelli che dissentivano da lui nella politica e che egli credeva stessero dalla parte di coloro che lo avevano cacciato dalla patria. Tuttavia si deve pur compatire un uomo, tanto sbattuto dalla fortuna, se con animo esulcerato irruppe talvolta in invettive che passavano il segno, tanto più che ad esasperarlo nella sua ira non furono certo estranee le false notizie propalate, come suole accadere, da avversari politici sempre propensi ad interpretare tutto malignamente. Del resto, poiché la debolezza è propria degli uomini, e « nemmeno le anime pie possono evitare di essere insudiciate dalla polvere del mondo » [7], chi potrebbe negare che in quel tempo vi fossero delle cose da rimproverare al clero, per cui un animo così devoto alla Chiesa, come quello di Dante, ne doveva essere assai disgustato, quando sappiamo che anche uomini insigni per santità allora le riprovarono severamente?

Tuttavia, per quanto si scagliasse nelle sue invettive veementi, a ragione o a torto, contro persone ecclesiastiche, però non venne mai meno in lui il rispetto dovuto alla Chiesa e la riverenza alle Somme Chiavi; per cui nella sua opera politica intese difendere la propria opinione « con quell’ossequio che deve usare un figlio pio verso il proprio padre, pio verso la madre, pio verso Cristo, pio verso la Chiesa, pio verso il Pastore, pio verso tutti coloro che professano la religione Cristiana, per la tutela della verità » [8].

Pertanto, avendo egli basato su questi saldi principi religiosi tutta la struttura del suo poema, non stupisce se in esso si riscontra un vero tesoro di dottrina cattolica; cioè non solo il succo della filosofia e della teologia cristiana, ma anche il compendio delle leggi divine che devono presiedere all’ordinamento ed all’amministrazione degli Stati; infatti l’Alighieri non era uomo che per ingrandire la patria o compiacere ai prìncipi potesse sostenere che lo Stato può misconoscere la giustizia e i diritti di Dio, perché egli sapeva perfettamente che il mantenimento di questi diritti è il principale fondamento delle nazioni.

Indicibile, dunque, è il godimento che procura l’opera del Poeta; ma non minore è il profitto che lo studioso ne ricava, perfezionando il suo gusto artistico ed accendendosi di zelo per la virtù, a condizione però che egli sia spoglio di pregiudizi, ed aperto alla verità. Anzi, mentre non è scarso il numero dei grandi poeti cattolici che uniscono l’utile al dilettevole, in Dante è singolare il fatto che, affascinando il lettore con la varietà delle immagini, con la vivezza dei colori, con la grandiosità delle espressioni e dei pensieri, lo trascina all’amore della cristiana sapienza; né alcuno ignora che egli apertamente dichiara di aver composto il suo poema per apprestare a tutti vitale nutrimento. Infatti sappiamo che alcuni, anche recentemente, lontani sì, ma non avversi a Cristo, studiando con amore la Divina Commedia, per divina grazia, prima cominciarono ad ammirare la verità della fede cattolica e poi finirono col gettarsi entusiasti tra le braccia della Chiesa.

Quanto abbiamo esposto fino ad ora è sufficiente per dimostrare quanto sia opportuno che, in occasione di questo centenario che interessa tutto il mondo cattolico, ciascuno alimenti il suo zelo per conservare quella fede che sì luminosamente si rivelò, se in altri mai, nell’Alighieri, quale fautrice della cultura e dell’arte. Infatti, in lui non va soltanto ammirata l’altezza somma dell’ingegno, ma anche la vastità dell’argomento che la religione divina offerse al suo canto. Se la natura gli aveva fornito un ingegno tanto acuto, affinato nel lungo studio dei capolavori degli antichi classici, maggiore acutezza egli trasse, come abbiamo detto, dagli scritti dei Dottori e dei Padri della Chiesa, che consentirono al suo pensiero di elevarsi e di spaziare in orizzonti ben più vasti di quelli racchiusi nei limiti ristretti della natura. Perciò egli, quantunque separato da noi da un intervallo di secoli, conserva ancora la freschezza di un poeta dell’età nostra; e certamente è assai più moderno di certi vati recenti, esumatori di quell’antichità che fu spazzata via da Cristo, trionfante sulla Croce. Spira nell’Alighieri la stessa pietà che è in noi; la sua fede ha gli stessi sentimenti, e degli stessi veli si riveste « la verità a noi venuta dal cielo e che tanto ci sublima ». Questo è il suo elogio principale: di essere un poeta cristiano e di aver cantato con accenti quasi divini gli ideali cristiani dei quali contemplava con tutta l’anima la bellezza e lo splendore, comprendendoli mirabilmente e dei quali egli stesso viveva. Conseguentemente, coloro che osano negare a Dante tale merito e riducono tutta la sostanza religiosa della Divina Commedia ad una vaga ideologia che non ha base di verità, misconoscono certo nel Poeta ciò che è caratteristico e fondamento di tutti gli altri suoi pregi.

Dunque, se Dante deve alla fede cattolica tanta parte della sua fama e della sua grandezza, valga solo questo esempio, per tacere gli altri, a dimostrare quanto sia falso che l’ossequio della mente e del cuore a Dio tarpi le ali dell’ingegno, mentre lo sprona e lo innalza; e quanto male rechino al progresso della cultura e della civiltà coloro che vogliono bandita dall’istruzione ogni idea di religione. È, infatti, assai deplorevole il sistema ufficiale odierno di educare la gioventù studiosa come se Dio non esistesse e senza la minima allusione al soprannaturale. Poiché sebbene in qualche luogo il « poema sacro » non sia tenuto lontano dalle scuole pubbliche e sia anzi annoverato fra i libri che devono essere più studiati, esso però non suole per lo più recare ai giovani quel vitale nutrimento che è destinato a produrre, in quanto essi, per l’indirizzo difettoso degli studi, non sono disposti verso la verità della fede come sarebbe necessario.

Volesse il cielo che queste celebrazioni centenarie facessero in modo che ovunque si impartisse l’insegnamento letterario, che Dante fosse tenuto nel dovuto onore e che egli stesso pertanto fosse per gli studenti un maestro di dottrina cristiana, dato che egli, componendo il suo poema, non ebbe altro scopo che « sollevare i mortali dallo stato di miseria », cioè del peccato, e « di condurli allo stato di beatitudine », cioè della grazia divina [9].

E voi, diletti figli, che avete la fortuna di coltivare lo studio delle lettere e delle belle arti sotto il magistero della Chiesa, amate e abbiate caro, come fate, questo Poeta, che Noi non esitiamo a definire il cantore e l’araldo più eloquente del pensiero cristiano. Quanto più vi dedicherete a lui con amore, tanto più la luce della verità illuminerà le vostre anime, e più saldamente resterete fedeli e devoti alla santa Fede.

Quale auspicio dei celesti favori ed a testimonianza della Nostra paterna benevolenza, impartiamo con affetto a voi tutti, diletti figli, l’Apostolica Benedizione.

Dato a Roma, presso San Pietro, il 30 aprile 1921, nell’anno settimo del Nostro Pontificato.

BENEDICTUS PP. XV 

Concludiamo con l’incipit del 33° canto del Paradiso

UMILE E ALTA PIU’ CHE CREATURA

“Vergine madre, figlia del tuo Figlio,
Umile ed alta più che creatura,
Termine fisso d’eterno consiglio. 

Tu se’ colei che l’umana natura
Nobilitasti sì, che il suo Fattore
Non disdegnò di farsi sua fattura. 

Nel ventre tuo si raccese l’amore
Per lo cui caldo nell’eterna pace
Così è germinato questo fiore. 

Qui se’ a noi meridïana face
Di caritate; e giuso, intra i mortali,
Se’ di speranza fontana vivace. 

Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
Che, qual vuol grazia e a te non ricorre,
Sua disïanza vuol volar senz’ali. 

La tua benignità non pur soccorre
A chi domanda, ma molte fiate
Liberamente al domandar precorre. 

In te misericordia, in te pietate,
In te magnificenza, in te s’aduna
Quantunque in creatura è di bontate! 

(Dante, Paradiso, XXXIII) 


Annunci

Autore: carlomafera

Mafera Carlo Nasce a Milazzo (ME) il 7 giugno del 1957, è laureato in scienze politiche con indirizzo storico. Vive a Roma, è impiegato presso un Ente Pubblico. Carlo è giornalista della Free Lance International Press. Ha frequentato il corso di giornalismo alla Luiss di Roma (biennale 1988-89), ed il corso di aggiornamento per giornalisti presso la Pontificia Università della Santa Croce, nel 2009. Ha anche partecipato alla scuola di teologia per laici "Ecclesia Mater" collegata all'Università Lateranense dal 2004 al 2007. Ha collaborato con LaPerfettaLetizia quotidiano cattolico on line.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...