Giustizia: la grande malata – conferenza svoltasi il 23 marzo 2012 nella Parrocchia di Santa Maria della Speranza

Nell’ambito della seconda edizione della Scuola di Formazione SocioPolitica dal titolo “Buoni cristiani e onesti cittadini” è intervenuta la prof. Cinthia Pinotti, vice procuratore della Corte dei Conti e il rettore dell’Università Salesiana, prof. Carlo Nanni. Una conferenza che rimane sempre attuale dati i nodi irrisolti della Giustizia in Italia

Un argomento molto complesso è stato approfondito nelle due ore a disposizione dei relatori con brevi spunti di riflessione che ha consentito ai partecipanti di avere un piccolo quadro d’insieme per esaminare meglio il tema in altre sedi. Questo incontro, coordinato dal prof. Andrea Farina docente dell’UPS, non ha avuto certo la pretesa di esaurire una materia così vasta ma solo di fornire alcuni strumenti interpretativi. La prof. Cinthia Pinotti ha fatto un breve excursus storico sul concetto di giustizia, sulla sua importanza come presupposto della convivenza civile e la cui mancanza rischia di lacerare il tessuto sociale. È passata poi ad elencare i tre rapporti fondamentali che insistono sulla giustizia: il rapporto giudice-legge; il rapporto giudice-politica e quello tra giustizia e cittadini spesso mediato, a torto o a ragione, dagli organi di informazione. La prof. Pinotti ha citato il delicatissimo tema della responsabilità civile del giudice la cui importanza riveste uno dei punti strategici della futura riforma della giustizia. Certamente è fondamentale stabilire che il giudice non debba rispondere per colpa grave perché sarebbe un grande condizionamento del suo operato e andrebbe a discapito della sua autonomia producendo poi una giustizia troppo conformista. Il magistrato della Corte dei Conti, Cinthia Pinotti ha invece auspicato che il giudice debba creare la norma con la sua opera interpretatrice, proprio alla luce della nostra Costituzione repubblicana che, dal 1948 ad oggi ha fatto fare un grande salto di qualità al ruolo istituzionale del giudice. Da allora infatti il magistrato può attingere ad una norma superiore e può veramente giudicare con “la ragionevolezza del bilanciamento dei valori.” Inoltre ha fatto cenno all’introduzione del nostro ordinamento di altre fonti superiori quali quelle di diritto internazionale e in particolare a quelle di diritto europeo. In ciò è avvenuta una frammentazione delle regole certe ma nello stesso tempo una maggior tutela del consumatore che non esisteva prima nella nostra legislazione.

La questione delle questioni, ha detto la prof. Pinotti è quindi la riforma della giustizia e chissà quando sarà possibile realizzarla. Intanto permane “la percezione d’inefficacia della giustizia da parte dei cittadini”, permane anche il desiderio del cosiddetto “giusto processo” e si constata sempre più la consapevolezza di una giustizia lenta. D’altra parte, dice la prof. Pinotti, fino a quando il conflitto viene innalzato a valore, la giustizia dovrà rispondere a tante richieste diventando così sempre più lenta. Tutti sappiamo come sia aumentato il grado di litigiosità degli italiani e come si debbano studiare altri strumenti di risoluzione dei conflitti stessi. Un ultimo tema è quello della spettacolarizzazione della giustizia. Infatti gli organi di informazione la considerano come una forma di spettacolo (forse per fare audience) talvolta incoraggiati, come ricordava un partecipante alla conferenza, da alcuni magistrati che amano svolgere il ruolo di protagonisti e ciò, ha concluso la prof. Cinthia Pinotti, è da evitare assolutamente.

A questo punto della serata è intervenuto il rettore dell’Università Salesiana, il compianto prof. Carlo Nanni che ha dato la sua interpretazione cristiana della Giustizia. Solo alcuni flash per rimandare tutti al suo enciclopedico sito dove si possono trovare molti riferimenti su questo delicatissimo tema. Innanzitutto che cosa non è la giustizia. Questa non si realizza “quando fa del male”, “quando non promuove i diritti di ciascuno”. La giustizia deve essere distributiva e cioè deve dare a ciascuno il suo e ciò di cui ha bisogno la persona per sviluppare la sua vita. Ma il prof. Nanni ha sottolineato che bisogna anche superare il concetto di giustizia distributiva e i giudici, come diceva anche la prof. Pinotti, devono superare la norma non limitandosi perciò ad attenersi alla legalità. Il rettore dell’UPS ha ribadito più volte che bisogna andare oltre la mera e giusta distribuzione citando proprio il Vangelo nella parabola degli operai dell’undicesima ora o in quella più famosa del figliol prodigo. E tutto ciò risiede anche nel pensiero sociale della Chiesa e in particolare in quello menzionato del beato Rosmini: “La persona è il diritto sussistente” e quindi da ciò nasce l’esigenza di adeguare il proprio amore all’essere di ciascuna cosa. Nanni ha poi concluso citando il Concilio Vaticano II che, in tema sociale, ha sancito l’importanza per il cristiano di esercitare la condivisione, la critica e infine la profezia.

Carlo Mafera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.